​Manduria-Veglie 1-0

Il Manduria vince i Play Off grazie a un goal di Nanni Riezzo

Un Manduria verso la promozione super concentrato quello che si è visto al Dimitri contro un Veglie apparso piuttosto disorientato dopo la rete di Nanni Riezzo

Calcio
Manduria domenica 05 maggio 2019
di La Redazione
Nanni Riezzo
Nanni Riezzo © La Voce

Un Manduria superconcentrato quello che si è visto al Dimitri contro un Veglie apparso piuttosto disorientato dopo la rete dell’inesauribile ragazzo d’oro dei biancoverdi, Nanni Riezzo, sua la rete della vittoria e un numero incalcolabile di tentativi a rete. Da lodare senza dubbio tutta la squadra che ha saputo ottimamente gestire il risultato, evitando i personalismi e optando invece per un gioco corale che ha avuto i suoi effetti. Gli episodi salienti dell’incontro: al 17’ Riezzo sblocca il risultato con un bellissimo goal dal limite con una staffilata che si infila sul palo opposto, nulla da fare per Liaci. Gli avversari accusano il colpo e solo al 41’ si presentano in area biancoverde con un tiro di Baba di poco alto sulla traversa. Nella ripresa il Veglie si fa più intraprendente e al 3’ Lillo impegna Anastasia con un tiro dal limite. Molto vicino al raddoppio al 31’ il Manduria, Margarito effettua un cross al centro per la testa di Minelli che spedisce di pochissimo fuori.Gli avversari spingono fino alla fine nel tentativo di raggiungere il pareggio e al terzo minuto di recupero spunta di testa Baba ma spedisce di poco alto. Triplice fischio al 50’ e spalti del Dimitri in festa, come pure i tifosi purtroppo arroccati sul tetto di unavicina abitazione, in quanto gli è stato vietata l’entrata allo stadio. Un esempio di civiltà sportiva fornita da questi ragazzi biancoverdi che si sono uniti ai tifosi del Veglie nell’acclamare le proprie squadre, seppure dal terrazzo di una casa. Vietata l’entrata anche a un numero consistente di altri sportivi che hanno atteso invano dinanzi all’ingresso del Dimitri, ciò dovuto alla lentezza della burocrazia che per fare effettuare i lavori hanno impiegato oltre 15 anni e dopo che sono stati eseguiti e lo stadio è già agibile, manca soltanto una verifica dei Vigili del Fuoco, che non si capisce il perché tarda a venire. Nel frattempo, chi ci perde incassi è la società calcistica, in quanto l’entrata è limitata a un paio di centinaia di spettatori anziché agli oltre 1500 che può contenerne il Dimitri.

Manduria: Anastasia, Vantaggiato, Margarito, Erario, Calò, Danese, Riezzo, Arcadio, MInelli (37’ s.t. Perrucci), Conte (30’ s.t. Pisello), Zaccaria. A disp.: Tolardo, Mero, Nodriano, Pichierri, Fagoni, Dajbog. All. Leone

Veglie: Liaci, Ganazy (37’ s.t. Vadacca), Zecca, Sambadi, De Luca, Bayo (23’ s.t. Bruno), Jaja, Baba, Franza (39’ s.t. Thierno), Lillo, Carrozzo. A disp.: Campilungo, Lamine, Bergamo, Manca, Sperti, Fioschini. All. Tomai

Arbitro: Spera di Barletta.

Note: Ammoniti: Sambadi, Jaja, Lillo. Angoli: 7 a 2 per il Manduria. Recuperi: 2’ e 5’

Rete:17’ p.t. Riezzo.


Lascia il tuo commento
commenti