Volontà di riscatto

Dai tifosi biancoverdi alla società calcio e alle istituzioni manduriane

Riceviamo, e pubblichiamo, un succinto comunicato redatto dai tifosi organizzati.

Calcio
Manduria sabato 02 gennaio 2021
di La Redazione
Lo stadio vuoto
Lo stadio vuoto © La Voce di Manduria

Come  la stragrande maggioranza degli altri ambiti sociali, anche l'universo calcio attende di conoscere quale sarà il proprio futuro. Per il momento  ci si affida a pensieri e considerazioni consuntivanti e a propositi per il tempo avvenire. A tal proposito riceviamo, e pubblichiamo, un succinto comunicato redatto dai tifosi organizzati.

"Siamo  giunti al termine del duemilaventi. Un anno che, in linea generale, tutti non vedevano l'ora di lasciarsi alle spalle -recita la nota stampa-   ma che, dal punto di vista sportivo, è stato per noi tifosi  ricco di soddisfazioni.
Innanzitutto ci preme ringraziare di cuore il presidente Elio Palmisano poiché, dopo anni intrisi di difficoltà e delusioni, è riuscito a regalare, a noi e alla città tutta, due stagioni esaltanti che chi hanno riconciliato con il calcio. Quello bello fatto di passione, emozioni e di sano agonismo. Ha prelevato la squadra in Prima Categoria riuscendo nell'intento di farla approdare in Eccellenza, in sole due stagioni, cercando, nel contempo, di dare anche continuità e solidità al calcio biancoverde. Purtroppo gli ultimi mesi sono stati caratterizzati anche da alcune congiunture negative che hanno interessato il presidente, personalmente, e tutta la popolazione, alle prese con la pandemia. Attualmente il campionato è in  di stand-by e non si sa se, ed eventualmente quando, riprenderà. Fare calcio a questi livelli, con la contingente, quanto inevitabile, penuria di sponsor e di entrate complessive e l'obbligo, resosi necessario, della disputa delle partite costrette a giocarsi a porte chiuse, è diventato davvero complicato. Il tempo per poter programmare , e organizzare, c’è tutto, sarebbe auspicabile non farlo trascorrere inutilmente. Sarebbe, altresì, cosa opportuna che chi ha assunto nel recentissimo passato, degli impegni formali nei riguardi del calcio cittadino gli traducesse ora in impegno sostanziale, evitando inopportuni e perniciosi atteggiamenti pilateschi ".

Maurizio Pasculli

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Antonio gennari ha scritto il 03 gennaio 2021 alle 09:25 :

    I fatti personali del presidente non vanno mischiati con ciò che ha fatto e spero continui a fare in futuro per il calcio mandriano dove purtroppo girano ancora gente che da anni ha fatto solo danni e non solo economici al calcio di manduria gente che dovrebbe essere radiata Rispondi a Antonio gennari

  • Claudio Coccioli ha scritto il 02 gennaio 2021 alle 17:33 :

    L’articolo è stato fatto per ricordare ciò che di buono ho fatto il presidente Palmisano che di sicuro un ex non è mai andato all’attuale presidente della società biancoverde Inoltre L’articolo non parla delle questioni personali del presidente ma può ricordare ciò che di buono è stato fatto ad un bene comune quale il Manduria calcio e e permettetemi l’articolo è stato anche fatto e per quella gente che usa la propria lingua come una lama affilata E che crede di essere un giudice ma purtroppo dimentica di guardare se stesso.. Signori miei nessuno è perfetto ma tutti Sanno puntare il dito nascondendo i propri errori Rispondi a Claudio Coccioli

  • Franco ha scritto il 02 gennaio 2021 alle 14:05 :

    Purtroppo anche a me dispiace molto dell'ex presidente Palmisano però la giustizia è giusta, se ha sbagliato deve pagare, è inutile che si omaggia tanto. Rispondi a Franco

    Claudio Coccioli ha scritto il 02 gennaio 2021 alle 17:27 :

    L’articolo parla di ciò che di buono è stato fatto dal presidente palmisano che di certo non un ex ma ne è tutt’ora il presidente della società l’articolo non parla delle cose personali del presidente ma vuol ricordare ciò che di buono è stato fatto a un bene comune quale il manduria calcio.e permettetemi l’articolo è fatto anche per far tacere quella gente che ha un’arma letale la lingua e che crede di essere un giudice ma purtroppo dimentica di guardare se stesso... nessuno è perfetto però tutti sanno puntare il dito nascondendo i propri errori Rispondi a Claudio Coccioli

  • Giacomo ha scritto il 02 gennaio 2021 alle 14:01 :

    Purtroppo non si può Rispondi a Giacomo