Esperienza di vita raccontata dai protagonisti

Oltre ogni limite a Nardò si premia De Vizzi ed altri grandi campioni disabili

Ci saranno il recordman mondiale assoluto di permanenza subacquea con erogatori per normodotati Paolo De Vizzi, il colonnello del Ruolo d’Onore e campione paraolimpico Carlo Calcagni,

Altri Sport
Manduria venerdì 09 novembre 2018
di La Redazione
Paolo De Vizzi
Paolo De Vizzi © La Voce di Manduria

Superare ogni ostacolo, abbattere i confini e non porsi limiti. È in programma domani, venerdì 9 novembre, alle ore 18 presso il centro diurno socio-educativo e riabilitativo “Armonia” di via Avetrana, l’incontro-dibattito sul tema Oltre ogni limite - sport e disabilità, un binomio vincente, un’occasione per conoscere direttamente dalla voce dei protagonisti tante storie di vita e di sport di atleti con disabilità.

Ci saranno il recordman mondiale assoluto di permanenza subacquea con erogatori per normodotati Paolo De Vizzi, di Manduria; il colonnello del Ruolo d’Onore e campione paraolimpico Carlo Calcagni, il tennista Salvatore Caputo dell’associazione Midu Sport Handicap. E poi i team, dalla ASD Lupus 2014, associazione no profit per atleti diversamente abili, a Utopia Sport, che permette la pratica di tennistavolo, handbike e atletica leggera, passando per la ASD Lupiae Team, la squadra leccese di basket in carrozzina che milita in serie B.

Le esperienze di ciascuno di questi alfieri dello sport sono energia per non arrendersi, superare ogni limite e centrare grandi successi, fino ai più ambiziosi, quelli della felicità e dell’integrazione sociale. L’incontro è stato organizzato dal consigliere delegato allo Sport del Comune di Nardò Antonio Tondo in collaborazione con il presidente della Consulta dello Sport Tony De Paola. Condurrà il giornalista ed esperto di comunicazione Lorenzo Falangone.

“È un’occasione per conoscere e per crescere - spiega Antonio Tondo - partendo dalle esperienze delle tante società e associazioni che nel Salento operano quotidianamente per permettere agli atleti con disabilità di praticare sport. È un grande orgoglio poter ospitare a Nardò team e personalità di spicco del panorama locale e internazionale. E l’obiettivo è proprio quello di creare in città nei prossimi anni un’associazione dedicata allo sport per atleti con disabilità. L’entusiasmo di queste persone sarà senz’altro contagioso”.

Lascia il tuo commento
commenti
Altre news
Le più commentate
Le più lette