Successo ripetuto

Baby atleti campioni di breaking stupiscono la giuria di Rimini

Giovanissimi campioni della scuola “Amici dance school” di Maria Dinoi e Giada Stranieri

Altri Sport
Manduria giovedì 29 luglio 2021
di La Redazione
I piccoli campioni Sara e Samuele Brunetti
I piccoli campioni Sara e Samuele Brunetti © La Voce di Manduria

Ai campionati Italiani di categoria della FIDS (Federazione italiana danza sportiva) di breaking, svolti a Rimini il 25 luglio scorso, sono arrivate le conferme degli ottimi risultati ottenuti in primavera a Riccione, nei Campionati Assoluti Italiani, per due baby atleti della scuola di danza manduriana “Amici dance school” di Maria Dinoi e Giada Stranieri.

Si conferma, pertanto, il gradino più alto del podio per Samuele Brunetti, in arte bboy Scugnizzo, nella categoria 8-11 anni, classe C, mentre la sorellina Sara Brunetti, in arte bgirl LadyBug, conferma il piazzamento d’onore ottenuto a Riccione, nella categoria 8-11, classe U grazie al quale, con ogni probabilità, sarà convocata nel Club Azzurro della FIDS a Formia, presso il centro di preparazione olimpica del CONI. Vale la pena ricordare che questa disciplina, meglio conosciuta come break dance, dal 2024 farà parte delle discipline olimpiche dei giochi che si terranno a Parigi. La street dance o lo street show sta avendo, negli ultimi anni, sempre più attenzione da parte del CIO tanto che nell’ edizione in corso delle olimpiadi di Tokyo, la disciplina dello Skateboard ha fatto il suo esordio nella competizione a cinque cerchi. 

Ancora una volta, la scuola di danza manduriana “Amici dance school” ha saputo preparare e far salire sul podio i propri atleti nelle massime competizioni italiane di danza sportiva di categoria. L’ottima conferma dei piazzamenti ottenuti dai due baby atleti, infatti,  passa anche dall’eccellente preparazione tecnica del maestro Alessio Ascanio, in arte bboy Ogan, che con sacrificio ed abnegazione ha “Spinto” i due ragazzi ad ottenere il massimo nelle loro rispettive classi di gara. La competizione di breaking, che ha visto trionfare i due baby atleti manduriani, è stata organizzata dalla FIDS che nel mese di luglio in 17 giorni, sempre a Rimini nei padiglioni fieristici della città romagnola, ha visto oltre 16mila suoi tesserati competere in tutte le discipline della danza sportiva. Un’organizzazione di prim’ordine che viene invidiata in tutto il mondo della danza sportiva.

Lascia il tuo commento. (Quelli con indirizzo email falso non saranno pubblicati)
commenti