​Il gioco delle coppie

La redazione Il miniracconto
Manduria - martedì 11 febbraio 2020
Mimmo Olivieri
Mimmo Olivieri © La Voce di Manduria

Lui non aveva ricevuto una buona educazione dalla famiglia, ma era andato in Accademia e ne avevano fatto un vero uomo. Secondo quanto gli avevano insegnato la donna è la parte più speciale del creato. Poi si sposò e volle dividere con la moglie le incombenze di casa quando era libero dal servizio. La suocera gli arrivò in casa mentre era intento a lavare le piastrelle del bagno. Vide che le faceva bene e disse alla figlia di lasciar fare sempre a lui quel lavoro, ma lui non se ne lamentava. Quando la moglie rimase incinta lui prese a portarle la colazione a letto. Il bambino ormai aveva venti anni e sua moglie pretendeva ancora la colazione a letto o non si alzava, e il figlio si alzava a mezzogiorno e non si cercava un lavoro. Qualcuno gli disse che aveva dato troppo largo alla moglie ma… Il figlio gli disse poi che lui avrebbe assistito la mamma da vecchia e che lui si sarebbe dovuto cercare una badante o un ospizio: anche questo? Eppure lui aveva dato anche l’impossibile alla famiglia! Un giorno se ne andò. Ora lo cercano.

Lascia il tuo commento
commenti
Altri articoli
Gli articoli più letti