​Giovinetto presuntuoso

Mimmo Olivieri

La redazione Il miniracconto
Manduria - venerdì 12 luglio 2019
Mimmo Olivieri
Mimmo Olivieri © La Voce di Manduria

Hai dei genitori formidabili, che ti chiedono soltanto di vivere, e tu, giovinetto presuntuoso, credi che tutto il positivo che c’è nella tua vita sia farina del tuo sacco, mentre gli altri vi intervengono solo per darti guai. Ti hanno iniziato all’uso degli spinelli, e tu ci sei cascato, sicuro che smetti quando vuoi. La sera fai a gara a chi ingurgita più superalcolici prima di sparire sotto al tavolo. A diciotto anni hai voluto la patente, e i genitori te l’hanno data. Poi ne hai fatta una buona: con il tuo lavoro hai comprato una moto. Adesso la tiri al massimo, sicuro che sai governarla come vuoi, da quel presuntuoso che sei. Quando ti sei appiccicato a un palo hai perso la moto, diversi denti, e la fiducia dei tuoi genitori, che hanno atteso troppo a togliertela. Adesso vorresti fare concorsi, ma non hai il diploma. Tuo padre ha lottato con le unghie e con i denti per costringerti a prenderlo, ma non hai voluto. Adesso cominci a guardarti indietro e noti quanti errori hai fatto in questo scampolo di vita. La presunzione non dà mai buoni frutti.

Altri articoli
Gli articoli più letti