​Tutto è finito

Mimmo Olivieri

La redazione Il miniracconto
Manduria - venerdì 08 febbraio 2019
Mimmo Olivieri
Mimmo Olivieri © La Voce di Manduria

Il sipario è calato. Mentre ti esibivi hai cercato di capire se il pubblico stava gradendo la tua arte. I tuoi occhi si posavano sulla platea. In terza fila c’era un tizio che ti fischiava anche se non facevi nulla: non conta il suo parere. Accanto a lui c’era uno che ti applaudiva fino a spellarsi le mani. Che differenza tra un fratello e un altro! Osservi i posti più lontani. Tuo padre è venuto a vederti nonostante l’età; non te lo aveva detto. Se te lo avesse detto gli avresti procurato un posto migliore. Il sipario è calato, ma non tutto è finito. Il maestro degli artisti riunisce chi si è esibito e dà consigli per la prossima volta. Ora bisogna andare a cena. Avete chiamato una pizzeria per prenotare, dicendo che sareste arrivati tardi. Hanno accettato, mettendo un sovraprezzo. Finalmente tutto è finito. Torni a casa tua e dovresti dormire, ma controlli le cose che dovrai fare alla prossima occasione, e il sonno ti prende a tradimento. Anche l’età ti prende a tradimento. Quando non trovi più serate vuol dire che ormai sei vecchio e vogliono i giovani.

Altri articoli
Gli articoli più letti