L'incontro di ieri sul depuratore è servito a capire che un'alternativa è possibile

Arrivati a questo punto è necessario uno step interlocutorio ulteriore e decisivo: incontrate il Sindaco di Sava Dario Iaia

La redazione Riflettori su ...​
Manduria - mercoledì 06 febbraio 2019
Salvatore Luigi Baldari
Salvatore Luigi Baldari © La Voce di Manduria

Apprendo dalla stampa che nel pomeriggio di ieri una delegazione composta dal Sindaco e ViceSindaco di Avetrana Antonio Minò e Alessandro Scarciglia, dal Consigliere Regionale Luigi Morgante e Cosimo Breccia ha incontrato il Presidente della Regione Michele Emiliano, per presentargli una nuova ipotesi di progetto del Depuratore Consortile, che ne prevede lo spostamento di 5 km nell'entroterra. (Non vedo l'ora di conoscerne i dettagli) Innanzitutto questo dimostra che delle alternative alla realizzazione dell'impianto vicino la costa erano e sono possibili e non si trattava solo di fantasie demagogiche e tutte le persone che in questi anni hanno manifestato nelle piazze (e non solo) non erano state pizzicate da una tarantola. Dalla ricostruzione dell'incontro che si legge sempre sulla stampa, si evince che le perplessità di Emiliano siano esclusivamente procedurali e non riguardano i contenuti tecnici del progetto. Dal momento che, come sanno anche i bambini, i problemi procedurali sono parenti stretti della volontà politica, adesso è arrivato il momento di fare una scelta netta e responsabile.

Mi permetto, con massima umiltà, di dare un banale suggerimento alla delegazione di ieri, una osservazione personale. Arrivati a questo punto è necessario uno step interlocutorio ulteriore e decisivo. Incontrate il Sindaco di Sava Dario Iaia, rendetelo partecipe di questo progetto alternativo. Andatelo a trovare con le carte in mano. L'emergenza ambientale di Sava è stata citata anche da Emiliano del resto e soltanto se anche Sava sposerà la fattibilità di questa "Soluzione D" (a che lettera siamo arrivati?) si potrà procedere speditamente alla conclusione di tutti gli iter burocratici. Tra l'altro anche l'attuale progetto, dopo il parere negativo dell'Ente Idrico Regionale riguardo gli scarichi emergenziali ha bisogno di ulteriori varianti.

E poi, non prendiamoci in giro, sappiamo tutti, che il depuratore se sarà costruito lì ad Urmo, presenterà importanti problemi di funzionamento e di efficienza, a scapito dell'ambiente, della salute, del paesaggio e dei portafogli. Insomma, Sindaco Iaia, se anche Lei sposerà il nuovo progetto, le autorità regionali saranno messe all'angolo e se accetteranno, tutto procederà senza più intoppi, così da poterci permettere finalmente quel salto di civiltà di cui abbiamo tanto bisogno.

Salvatore Luigi Baldari

Altri articoli
Gli articoli più letti