Il ferragosto non è proprio adatto alle persone "spiaggiate" come me!

Come lo passerò io? Essendo già spiaggiato di mio, starò in casa. Perchè... la confusione, non fa per me

Manduria - domenica 12 agosto 2018
Claudio Rimoli
Claudio Rimoli © La Voce

Cari amici e lettori della Voce di Manduria, colgo l'occasione di scrivere due nuove righe, in questa domenica d'estate del 12 agosto 2018. Si avvicina il Ferragosto, che è la festa giovanile per eccellenza. E che solitamente si trascorre in spiaggia e in compagnia degli amici, con tanto divertimento. Come lo passerò io? Essendo già spiaggiato di mio, starò in casa. Perchè... la confusione, non fa per me. E poi non avendo grandi amici ma soltanto ottimi conoscenti (l'amicizia per come la intendo io, è ben altra cosa), è durante questo periodo (come ogni anno) non ve ne è mai traccia. L'unica compagnia possibile di cui posso usufruire è quella delle persone che mi vogliono bene veramente ovvero: la mia famiglia.

Preferisco di gran lunga così, perchè avendo da poco compiuto i 30 anni, credo che non sia più tempo di fare le classiche e famose facce lavate oppure il sangue amaro, vedendo magari qualcosa di storto. Quindi, meglio starne fuori! Diciamoci la verità, non è poi che ci sia tutto questo grande gradimento da parte altrui nel voler coinvolgere una persona disabile, nell'ambito di qualche occasione particolare, dove si sta tutti insieme.

Che dire, si vede che non siamo adatti. E che ci sono amici di serie A e di B. Pazienza, non ci possiamo far niente! Questo spazio devo pur usarlo per parlare un po' di me, ogni tanto. Del resto si chiama proprio “Questa è la Mia Vita” e posso prendermi la licenza di togliermi qualche sassolino dalla scarpa. O no? Dopo averlo fatto, concludo augurandovi di divertirvi con moderazione, in questo Ferragosto 2018.

A presto! Claudio Rimoli

Altri articoli
Gli articoli più letti