Un fondo da 300 mila euro per attrarre studenti

Mille euro per ogni studente fuori regione che s'iscrive all'Università di Pisa per la specialistica

Il Rettore: «E’ il nostro modo per sostenere i tanti ragazzi che scelgono Pisa come sede per conseguire la laurea magistrale»

Salento Puglia e mondo
Manduria mercoledì 06 ottobre 2021
di La Redazione
Studenti
Studenti © La Voce di Manduria

Mille euro di contributo per ogni studente laureato presso altri atenei italiani, con sede al di fuori della regione Toscana, che intende proseguire la propria carriera accademica con una laurea magistrale dell’Università di Pisa. È quanto ha deciso l’Ateneo toscano, stanziando un fondo di 300.000 euro per sostenere le studentesse e gli studenti fuori sede che ogni anno scelgono Pisa per completare la propria formazione. Unici requisiti richiesti: non aver superato i 30 anni di età ed avere un ISEE universitario (o corrente o parificato), in corso di validità, non superiore a 50.000 euro e un patrimonio mobiliare, dichiarato ai fini ISEE, non superiore a 100.000 euro.

«Ogni anno sono tantissimi i ragazzi e le ragazze che scelgono l’Università di Pisa per completare il proprio percorso universitario e conseguire qui la loro laurea magistrale – ha commentato il Rettore, Paolo Mancarella – Era nostro dovere, in questo momento di grande difficoltà per le famiglie italiane, adottare delle misure specifiche che tutelassero il diritto di questi studenti di coltivare il proprio futuro». 

«Il fatto che scelgano Pisa e non un’altra sede – ha aggiunto Mancarella – è segno che qui trovano un’offerta formativa in grado di rispondere alle loro esigenze; che si è saputa mantenere di altissimo livello e aggiornata in ogni campo. Senza dimenticare che Pisa è un luogo in cui uno studente ha l'opportunità di studiare e vivere in un contesto davvero straordinario: dall’ambiente universale che ogni giorno si respira nelle aule e nei laboratori, ad una Pisa animata da un inatteso spirito cosmopolita, che nasce dall’essere un luogo in cui si ritrova una delle maggiori concentrazioni di sapere e di qualità scientifica in Italia». 

«Ci tengo a ricordare – ha concluso il Rettore - che questa misura segue l'approvazione del nostro nuovo Regolamento delle tasse studentesche con il quale, giusto per citare le principali novità, abbiamo innalzato la No Tax Area fino a 26.000 euro di ISEE; introdotto l’esonero totale per i cosiddetti care leavers, ossia quei giovani che non hanno una famiglia su cui poter contare, oltre ad aver previsto forme di esonero parziale e totale per gli studenti con invalidità tra il 45% e il 65% e una riduzione di 200 euro per merito».  

I contributi previsti dal bando possono essere riconosciuti agli studenti che intendono immatricolarsi per l’anno accademico 2021/2022 ad un corso di laurea magistrale non a ciclo unico avendo conseguito una laurea triennale o magistrale presso altro ateneo italiano con sede al di fuori della Regione Toscana. La domanda di partecipazione alla selezione dovrà essere presentata, pena l’esclusione, entro le ore 13:00 del 23 dicembre 2021, alla Direzione Servizi per la didattica e gli studenti, mediante la compilazione del form on line disponibile sul portale di ateneo, accedendo con le credenziali fornite dall’Ateneo.

 

 

Lascia il tuo commento. (Quelli con indirizzo email falso non saranno pubblicati)
commenti
I commenti degli utenti
  • Cosimo massafra (Ferrara) ha scritto il 07 ottobre 2021 alle 07:42 :

    Iniziativa importante per l'economia della città. Uno studente fuori sede durante il corso di laurea magistrale spende nella città ospitante almeno 25.000,00 euro. Una bella iniezione di denaro per la comunità e per l'ateneo. Rispondi a Cosimo massafra (Ferrara)