Dibattito chiuso

Sì alla Regionale 8, la "transizione ecologica" di Pecoraro e il silenzio dei Verdi

Se non rottura, dovrebbe creare almeno imbarazzo la firma del primo cittadino di Manduria

Politica
Manduria domenica 14 febbraio 2021
di La Redazione
Matino - Pecoraro
Matino - Pecoraro © La Voce di Manduria

O i Verdi di Manduria si sono convertiti alla politica dell’asfalto e cemento, o la presa di posizione del sindaco Gregorio Pecoraro che sponsorizza l’odiatissima “Regionale 8” è l’inizio di una frattura interna alla maggioranza giallo verde.

Se non rottura, dovrebbe creare almeno imbarazzo la firma che l primo cittadino di Manduria, evidentemente senza sentire l’anima verde della sua maggioranza, ha posto al documento inviato al prefetto di Taranto, Demetrio Martino e sottoscritto da altri sindaci dei comuni del versante orientale Avetrana, Torricella, Lizzano, Pulsano e Leporano.

«Sono ormai trascorsi ben trentotto anni – scrivono i sindaci - da quando si è cominciato a parlare della realizzazione della Regionale 8, quale strada a scorrimento veloce che, partendo dalla città di Taranto e costeggiando le marine di Leporano, Pulsano, Lizzano, Torricella, Maruggio, Manduria, avrebbe dovuto raggiungere il comune di Avetrana». Si legge ancora. «Noi sindaci prosegue la missiva - sottolineiamo, inoltre, che da quando la Regione Puglia ha finanziato quest'opera con lo stanziamento di 198 milioni di euro, sono trascorsi ancora circa cinque anni senza che nulla o quasi sia stato effettivamente fatto».

Insomma, si ha fretta di completare l’opera più contrastata dall’anima ambientalista della maggioranza rappresentata in Consiglio da esponenti che da sempre ed anche nel recente passato hanno dichiarato guerra all’«ecomostro».

Ecco cosa scriveva sulla “Regionale 8” Michele Matino, allora presidente dei Verdi ed attuale capogruppo dei consiglieri comunali di maggioranza Pecoraro.

«Una colata di asfalto e cemento sta per abbattersi su una parte del nostro territorio ancora scarsamente contaminata dalla presenza invasiva dell’uomo: ci riferiamo alla Strada provinciale Talsano-Avetrana, meglio nota col nome di “Regionale 8”, che dovrebbe, negli intendimenti dei nostri amministratori, sovrapporsi all’attuale “Tarantina “con tutto un corredo di complanari e rotatorie sopraelevate e “bretelle” di raccordo, degne di una metropoli americana. In questa sede, tralasciando l’inutilità dell’opera, il suo fallimentare rapporto costi-benefici, il mancato coinvolgimento delle popolazioni in scelte di così grande impatto sul territorio, il danno economico e ambientale che ne deriverebbe ( per agricoltura, flora e fauna), tutti argomenti su cui noi Verdi avremo modo di tornare per motivare il nostro fermo dissenso, vogliamo attirare l’attenzione di chi legge sulle finalità presunte che vengono attribuite, secondo  noi in modo pretestuoso e falso, alla realizzazione di questa strada. Michele Matino

STranamente e sospettosamente muta, su questo ed altri argomenti «verdi», l’attuale commissaria del partito, Anna Mariggiò, componente dell’assemblea nazionale del partito e sorella dell’ambientalista storico manduriano, Gregorio Mariggiò, a cui la firma di Pecoraro sul quel documento gli sarà andata di traverso. A meno di conversione anche lui alla «transizione ecologica» del sindaco grillino Pecoraro.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Enzo ha scritto il 17 febbraio 2021 alle 23:03 :

    Frasi celebri: “Tre gruppi spendono i soldi degli altri: i bambini, i ladri, i politici. Tutti e tre hanno bisogno di essere controllati.” -DICK ARMEY- Mi direte: che significa questo? Che dai VERDI è rimasto SOLO il colore 🧪 e che tutto il resto è un MAGNA MAGNA 💶💰 Rispondi a Enzo

  • Egidio Pertoso ha scritto il 15 febbraio 2021 alle 18:56 :

    C'è una corsa a fare, piu' che a costruire, strade inutili, dannose ed antieconomiche. La prova provata e' la famigerata Bradanico-Salentina. Messa in cantiere da 30 anni non è stata mai completata. Ha portato stravolgimento di un territorio che poteva tornare utile in tempi di carestia. Mai si sente parlare di investimenti nel settore agricolo. Terreni abbandonati che è forse meglio utilizzare per far scorrere traffico inquinante ? Poi si fa il pianto del coccodrillo quando "un piccolo virus", per dirlo all' Albano Carrisi, ci rovina l' esistenza. Si è molto, ma tanto indietro, nel nostro modo di ripensare il nostro modo di vivere. E qualsiasi colore con cui vorremmo distinguerci, alla fine diverra' solo quello nero, il colore del nulla. Rispondi a Egidio Pertoso

  • Vincenzo ha scritto il 15 febbraio 2021 alle 17:52 :

    Meditate genti meditate! Ritengo che lo stanziamento dei fondi per questa nuova strada potrebbe essere volto al miglioramento ed adeguamento della viabilità esistente. L'effettiva necessità di un'ulteriore arteria viaria, fortemente impattante sul territorio, dovrebbe essere discussa in una conferenza di servizi, dai rappresentanti dei comuni coinvolti. Un'adeguata e preventiva informazione dei cittadini-proprietari, interessati dall'esproprio dei loro terreni, potrebbe servire a tastare il polso della situazione, con una sana e seria assunzione di responsabilità da parte delle giunte comunali coinvolte. (Altro commento a margine de "Il futuro verde della regionale 8") Rispondi a Vincenzo

  • Antonio curri ha scritto il 15 febbraio 2021 alle 16:11 :

    Si critica il silenzio di "Legambiente" e del Comune di Manduria , secondo me,non conoscendo i fatti! A seguito delle Osservazioni fatte dagli Enti interessati ed anche da Legambiente; la Provincia di Taranto (che è l'Ente proponente!) ha chiesto alla Regione di sospendere di almeno 180 gg. l'emanazione del provvedimento definitivo!(giugno 2021). La Regione Puglia ha risposto con l'ACCOGLIMENTO RICHIESTA SOSPENSIONE TERMINI di cui alla Vs. nota prot. n. 337/2021 del 07.01.2021! Giusto per precisare e chiarire! Forse è il caso di leggere le "carte" prima di arrivare a "semplici" conclusioni! O no? Rispondi a Antonio curri

  • Gregorio ha scritto il 14 febbraio 2021 alle 22:59 :

    ....E COSÌ IL SIGNOR MATINO SI È MANGIATE LE PAROLE !! . PENSATE CHE GENTAGLIA CI AMMINISTRA, SENZA UN MINIMO DI DIGNITÀ !!! Rispondi a Gregorio

    Walter ha scritto il 15 febbraio 2021 alle 12:48 :

    Sig Gregorio Una mano lava l'altra,,,,,,,, tutte e due lavano le posce!!!!!!!! Rispondi a Walter

  • Enzo ha scritto il 14 febbraio 2021 alle 21:07 :

    PECORÀ !! Se veramente vuoi fare qualcosa di positivo per Manduria e Manduriani , finisci la superstrada San Pancazio/Grottaglie , (SONO ANNI CHE È FERMA) sicuramente ai MANDURIANI SERVE!!!! La statale 8 , serve ad altri !!! Rispondi a Enzo

  • Gregorio ha scritto il 14 febbraio 2021 alle 20:29 :

    Ma questa famosa “STATALE 8” chi agevola ? .. I dipendenti statali Leccesi che lavorano a Taranto? In modo che viaggiano più comodi ? ... e noi ? Che facciamo? DISTRUGGIAMO ETTARI DI MACCHIA MEDITERRANEA !! Ricordatevi Signori politici che una volta che si ABUSA dell’ambiente NON SI TORNA PIÙ INDIETRO !! Perciò RIFLETTETE SU CIÒ CHE FATE !!! Rispondi a Gregorio

  • Fernando Maria Maurizio Potenza ha scritto il 14 febbraio 2021 alle 19:40 :

    Sembra molto strano il silenzio di tanti attivisti ambientalisti, molti presenti nella nuova amministrazione. L'arrivo di fondi economici hanno tappato la bocca a qualcuno? Dove sono finiti tutti quei politici che erano a favore di uno sviluppo economico basato sul rispetto dell'ambiente? Abbiamo mandato a casa chi era a favore della cementificazione, e ci ritroviamo una squadra di bravi ragazzi alla guida di ruspe e martelli pneumatici. Le maschere cadono è solo questione di tempo, poi inizia lo spettacolo.... Rispondi a Fernando Maria Maurizio Potenza

  • Giova ha scritto il 14 febbraio 2021 alle 18:11 :

    Sempre a vietare qualsiasi cosa che si deve fare ,che cosa ce di meglio di una nuova strada a scorrimento veloce e nello stesso tempo si da lavoro tanta gente Rispondi a Giova

    sempre Gregorio ha scritto il 15 febbraio 2021 alle 12:05 :

    Giova o Giovà !! Comunque ritornando al discorso! Almeno per quello che penso io! L’asfalto NON dà lavoro in eterno (e inquina) mentre il terreno agricolo, dà lavoro (per chi vuole lavorare) e ossigena l’aria. P.s. Bisogna calcolare anche quanti ettari di terreno devono ESPROPRIARE! Caru Giuanni !!! Rispondi a sempre Gregorio

  • cittadino ha scritto il 14 febbraio 2021 alle 13:06 :

    di questi tempi vige il motto "tengofamiglia" che pena..... qualcuno si ricorda la "memorabile" battaglia dei verdi per non fare abattere i secolari salici che ornavano la via per Lecce?... no vero? infatti non alzarono, non un dito, nemmeno lo sguardo, a quei tempi la forestale mi rispose al riguardo che io non appartenevo a nessuna associazione ambientalista, e che la decisione era stata legittimamente presa dal comune..... Rispondi a cittadino

  • Tiziano ancora ha scritto il 14 febbraio 2021 alle 12:53 :

    Il questa maggioranza la definirei: nero giallo verde! Rispondi a Tiziano ancora