Risvolto

L'imprenditore ai manduriani: «chiamatemi e vi farò la Fiera, a condizione che...»

Testimone da lontano di quanto è accaduto con le gare andata deserta per mancanza di domande pervenute, l’imprenditore lucano ci fa sapere di avere inviato una lettera...

Locali
Manduria giovedì 14 febbraio 2019
di La Redazione
Giovanni Possidente
Giovanni Possidente © La Voce di Manduria

«Cari manduriani, se volete la Fiera Pessima di marzo ve la facciamo noi, abbiamo i mezzi e le capacità per farla». A proporsi come gestore della campionaria manduriana che per il secondo anno consecutivo si avvia al fallimento, è Giovanni Possidente, amministratore della società «Fiere Lucane», azienda della provincia di Potenza specializzata nell’allestimento fiere ed eventi. «La nostra società Fiere Lucane – fa sapere Possidente contattando il nostro giornale -, segue con attenzione da anni le vicissitudini della Fiera Pessima».

Testimone da lontano di quanto è accaduto con le gare andata deserta per mancanza di domande pervenute, l’imprenditore lucano ci fa sapere di avere inviato una lettera all’amministrazione straordinaria del comune di Manduria offrendo la propria disponibilità a togliere le castagne dal fuoco. «Ad alcune condizioni», fa sapere Possidente: «dimensioni ridotte delle coperture, niente capannoni gratis per eventi ed espositori istituzionali e soprattutto niente 15.000 euro a disposizione del comune per il finanziamento degli spettacoli ed altro». L’imprenditore che è presidente di una società cooperativa leader del settore, con all’attivo numerose campionarie in Basilicata e Puglia (la Fiera di Gravina ed altre pugliesi sono firmate «Fiere Lucane»), commenta così la situazione che si è creata a Manduria.

«Con quel capitolato – dice – nessuna impresa sana parteciperà mai». Sempre attraverso La Voce, poi, l’imprenditore potentino, si dice disposto anche ad una partnership con le associazioni di categoria manduriane. «I tempi sono stretti – conclude – ma se ci chiamano e arriviamo ad un accordo si può cominciare subito non escludendo la possibilità di spostare di qualche settimana l’appuntamento».

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette