Si corre ai ripari dopo il fallimento della

Fiera Pessima 2019, inizia la corsa ad ostacoli

Sempre per affrettare i tempi, il tempo concesso agli operatori economici per rispondere, sarà pari a dieci giorni dalla ricezione della lettera di invito

Locali
Manduria sabato 12 gennaio 2019
di La Redazione
Fiera Pessima
Fiera Pessima © La Voce

Si procede con l’affanno per recuperare il tempo perduto e per non far saltare anche l’edizione 2019 della Fiera Pessima. Dopo il fallimento della passata edizione e il flop della prima gara per questa nuova, aggiudicata all’unica impresa concorrente poi esclusa per incompatibilità con il comune (il titolare è imputato in un procedimento penale in cui l’Ente è parte lesa), l’amministrazione straordinaria ieri ha deliberato un atto che affida al dirigente dell’Area tecnica, ingegnere Emanuele Orlando, il compito di indire una procedura negoziata senza pubblicazione del bando. Il dirigente dovrà ora individuare almeno cinque ditte del settore che siano interessate a gestire la campionaria chiedendo loro di inviare un’offerta. L’aggiudicazione rispetterà il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa.

Sempre per affrettare i tempi, il tempo concesso agli operatori economici per rispondere, sarà pari a dieci giorni dalla ricezione della lettera di invito. Se non ci sono intoppi di sorta, quindi, ipotizzando il massimo della velocità con l’invio degli inviti già da lunedì prossimo e concedendo un paio di giorni per le notifiche ed altre dieci per la presentazione dell’offerta, l’aggiudicazione non si potrà avere prima della fine di gennaio. All’impresa affidataria, poi, resterà un mese di tempo per acquisire i contratti con gli espositori, allestire i capannoni e gestire la complessa macchina delle autorizzazioni.Questa corsia accelerata che evita i tempi lunghi di una gara classica (pubblicazione del bando, acquisizione delle disponibilità a partecipare, inviti, presentazione delle offerte, procedure di acquisizione e scelta delle offerte e così via), che renderebbe impossibile arrivare in tempo, è possibile grazie ad una norma del codice degli appalti che permette alla stazione appaltante di evitare la pubblicazione del bando acquisendo le offerte che chiede ad un numero congruo di imprese secondo un principio che si può definire di trattativa diretta negoziata. Questo perché la gara precedente è andata sostanzialmente deserta poiché l’unica candidata è stata esclusa per i motivi di cui sopra.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • giorgio sardelli ha scritto il 12 gennaio 2019 alle 23:00 :

    Tanto parlare per dire che anche quest'anno la Fiera Pessima non si farà Da parte di tutti i Manduriani un grazie di cuore ai commissari e dirigente che governano Manduria, da questa cosa si potrebbe capire che certi eventi si possono fare solo in certi modi? Rispondi a giorgio sardelli