Strano caso al cimitero di Manduria

Manduriano nato nel 1801, morto a 155 anni, refuso su... marmo

Se fosse vero a Manduria sarebbe vissuto l’essere umano più longevo della storia nato nel 1801 e morto nel 1956 alla straordinaria età di 155 anni...

Locali
Manduria venerdì 30 novembre 2018
di La Redazione
Il refuso su marmo
Il refuso su marmo © La Voce di Manduria

Se fosse vero a Manduria sarebbe vissuto l’essere umano più longevo della storia nato nel 1801 e morto nel 1956 alla straordinaria età di 155 anni. Nell’anno della sua nascita, giusto per rendere l’idea del tempo trascorso, fu assassinato lo zar Paolo I e Alessandro I divenne zar di Russia, Napoleone firmò il concordato con lo stato pontificio, Thomas Jefferson diventò presidente degli Stati Uniti, il terzo della storia Usa (l’attuale Donald Trump è il 45esimo) e così via.

La testimonianza di questo “fenomeno della natura”, frutto ovviamente di un singolare refuso di incisione sul marmo, è ancora visibile nel cimitero di Manduria dove c’è ancora la stele funeraria che racchiude l’ossario del manduriano con nome e cognome, portafiori, foto e lampada votiva, anno di nascita e di morte bene incisa (*1801 +1956) e la dedica “La moglie pose”. Ma mai si accorse, evidentemente, dell’incredibile errore anagrafico commesso dall’incisore dell’epoca.

N.Din.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Carlo ha scritto il 03 dicembre 2018 alle 09:40 :

    Quando è stato inaugurato il cimitero di Manduria? Rispondi a Carlo

  • Joe ha scritto il 30 novembre 2018 alle 18:35 :

    ....anche peggio sarebbe il contrario..... ;-) Rispondi a Joe