Dopo la messa a norma

Il semaforo di "Ferretti" pronto prima di Natale, parola dell'autore

Fatto realizzare dalla precedente amministrazione comunale grazie all’insistenza di un consigliere comunale di maggioranza,

Locali
Manduria venerdì 30 novembre 2018
di La Redazione
Il semaforo abbattuto
Il semaforo abbattuto © La Voce di Manduria

Ennesimo incidente stradale ieri mattina (il terzo in quindici giorni) all’incrocio del semaforo “Ferretti” (dal nome dell’ex consigliere comunale che lo ha fatto installare) sulla circumvallazione di Manduria. Anche questa volta solo ferite fortunatamente non gravi con una ragazza portata in ospedale che non corre pericolo di vita. Si ripresenta però, a distanza di pochi giorni dall’ultimo episodio, la pericolosità di quel crocevia regolato da un impianto semaforico mai entrato in funzione se non per la luce gialla lampeggiante che crea ancora più incertezze negli automobilisti. Una delle lanterne con palina, è stata già abbattuta da un’autovettura in un precedente incidente.

Fatto realizzare dalla precedente amministrazione comunale grazie all’insistenza di un consigliere comunale di maggioranza, Francesco Ferretti, appunto, l’impianto costato circa ventimila euro non è stato mai messo in funzione per mancanza di collaudo. Sempre sensibile al problema, ben consapevole del rischio di quell’incrocio, abitando con la famiglia proprio da quelle parti, è ancora una volta l’ex consigliere Ferretti a tornare sull’argomento. Proprio ieri, informato del nuovo incidente stradale, ha chiesto «lumi» al responsabile dell’ufficio tecnico del comune di Manduria, Emanuele Orlando, scoprendo il motivo di tanto ritardo e strappandogli degli impegni. A quanto pare il semaforo non si è potuto inaugurare perché nel frattempo è stata varata una nuova norma che modifica le caratteristiche. «I nuovi impianti – spiega Ferretti che a sua volta ha appreso i particolari dall’ingegnere Orlando -, devono essere forniti di un sistema che cronometri il tempo di accensione delle lampade colorate».E quindi? «L’ingegnere Orlando – fa sapere Ferretti – mi ha assicurato di aver già trovato i fondi necessari per mettere a norma l’opera e quindi poterla collaudare; ha provveduto inoltre ad affidare i lavori alla ditta Start di Manduria che, salvo impedimenti che al momento nessuno può prevedere – afferma prudentemente Ferretti - dovrebbe completare tutto entro una quindicina di giorni».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Alessandro il grande ha scritto il 01 dicembre 2018 alle 13:45 :

    Ha se lo dice lui allora...ma come si fa a promettere anche le cose più semplici..tipo il funzionamento di un semaforo..quando non si è più in carica e con accuse di infiltrazione mafiose..cos'è dell' altro mondo.. comunque a Natale ci faremo due risate... Rispondi a Alessandro il grande

  • Josef Küsperth ha scritto il 01 dicembre 2018 alle 11:22 :

    Neues Gesetz !!??. Verkehrsregeln sind auch Gesetze. Stop bedeutet also: Anhalten und sehen, ob noch andere Autos unterwegs sind, die kein Stop haben. Ein blinkendes Gelbes Licht bedeutet: Erhöhte Aufmerksamkeit gefordert. Das sollte nicht so schwer sein. Es braucht nur die Augen und den Kopf. Nuova legge !! ??. Le regole del traffico sono anche leggi. Fermarsi significa fermarsi e vedere se ci sono altre auto sulla strada che non si fermano. Una luce gialla lampeggiante significa: maggiore attenzione richiesta. Non dovrebbe essere così difficile. Ha solo bisogno degli occhi e della testa. Rispondi a Josef Küsperth