Proposte inadeguate

Campagna antincendio, le associazioni dicono No al sindaco

“Compensi scarsi che non coprono neanche i costi di gestione"

Locali
Manduria venerdì 11 giugno 2021
di La Redazione
La riunione operativa
La riunione operativa © La Voce di Manduria

L’amministrazione comunale di Manduria dovrà fare a meno del fondamentale supporto delle associazioni di protezione civile manduriane nella campagna antincendio boschivo 2021. Nell’incontro organizzato nei giorni scorsi tra i rappresentanti dei diversi gruppi di volontariato, i nuclei di Tutela ambientale e gli enti competenti (Protezione Civile Regionale, Capitaneria di Porto Taranto - Sez. di Maruggio, Carabinieri Forestali, Arif Puglia e Vigili del Fuoco), il sindaco Gregorio Pecoraro ha ricevuto il rifiuto delle tre associazioni “Ser” della presidente Anna Duggento, “Era” di Maurizio Barnaba e “Prociv Arci” di Silverio Dinoi. 

Alla base della rinuncia  ci sono motivi di natura economica. La proposta avanzata dall’amministrazione prevedeva la fornitura di buoni benzina per un importo di 500 euro per l’intera stagione estiva mentre i responsabili delle Protezioni civili chiedevano una regolare convenzione che prevedesse un aiuto finanziario più adeguato agli sforzi oppure, in alternativa, il versamento in denaro e non in buoni benzina da rifornirsi, tra l’altro, dalle stazioni di servizio indicate dalla pubblica amministrazione. Proposte queste che sono state respinta dal sindaco giustificando il rifiuto con problemi di natura burocratica.

Le protezioni civili hanno fatto notare il gravoso impegno richiesto per una cifra concessa che non coprirebbe nemmeno le spese vive di spostamento e usura mezzi. Il loro supporto per il controllo e la prevenzione degli incendi, hanno fatto sapere i volontari, sarà comunque garantito grazie ai rituali compiti loro assegnati direttamente dagli organi regionali di Protezione Civile (segnalazione incendi per alcuni e opera di spegnimento per altri).
Agli incontri erano presenti, oltre al sindaco Pecoraro, il presidente Gregorio Dinoi, l’assessore Piero Raimondo e il presidente delle Riserve naturali, Alessandro Mariggiò.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Gherardo maria de Carlo ha scritto il 11 giugno 2021 alle 06:52 :

    Ma non è possibile arrivare ad offendere sino a questo punto l' intelligenza delle persone. Pazzesco ma ilSindaco ha confuso le Associazioni di Volontariato per una associazioni di schiavi. Si vergogni Sindaco. Un volontario Rispondi a Gherardo maria de Carlo