L'avvocato presenta ricorso

Evasione fiscale e maxi sequestro

Un imprenditore manduriano al fine di evadere le imposte dovute, è accusato inoltre di avere occultato o distrutto documenti fiscali di cui è obbligatoria la conservazione.

Cronaca
Manduria venerdì 08 febbraio 2019
di La Redazione
Guardia di Finanza
Guardia di Finanza © La Voce di Manduria

I militari della Guardia di Finanza della compagnia di Manduria hanno dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro preventivo pari a 385mila euro nelle disponibilità di un imprenditore manduriano, G.G., amministratore unico di una società Cooperativa operante nella città Messapica nel settore delle piccole ristrutturazioni edilizie. Da una verifica fiscale effettuata dalle fiamme gialle, sarebbe risultata una evasione fiscale pari alla somma del sequestro per l’attività svolta negli anni dal 2012 al 2016. Dal controllo delle banche dati, gli investigatori del nucleo di polizia economica e finanziaria avrebbero scoperto l’evasione in oggetto su un reddito imponibile di 780mila euro.

Dalle indagini è inoltre risultato uno scorretto utilizzo dei registri contabili della società cooperativa che veniva gestita unicamente dall’amministratore senza il coinvolgimento degli altri soci. Durante le acquisizioni documentali, ad esempio, i finanziari non avrebbero trovato nessun verbale di assemblee della società che, di fatto, veniva gestita unicamente dall’imprenditore indagato. Lo stesso, inoltre, era stato precedentemente sottoposto ad indagini, processato e condannato per truffa.

In questa recente inchiesta, inoltre, al fine di evadere le imposte dovute, è accusato inoltre di avere occultato o distrutto documenti fiscali di cui è obbligatoria la conservazione. A difendere le sorti dell’indagato è l’avvocato Lorenzo Bullo che starebbe già predisponendo gli atti per opporsi alla misura di sequestro.

Lascia il tuo commento
commenti