Indagini in corso

Colpo fallito all'Eurobar, i carabinieri recuperano la refurtiva

I ladri hanno dovuto frettolosamente abbandonare il frutto del colpo che almeno nelle sue fasi iniziali era riuscito.

Cronaca
Manduria mercoledì 06 febbraio 2019
di La Redazione
Il locale preso di mira dai ladri
Il locale preso di mira dai ladri © La Voce di Manduria

Sono rimasti quasi all’asciutto i banditi che nella notte tra sabato e domenica si sono introdotti nei locali dell’Eurobar di San Pietro in Bevagna portando via sigarette, gratta e vinci, l’incasso della giornata e la macchina cambia monete che da sola conteneva circa cinquemila euro. Quasi tutta la refurtiva è stata recuperate dai carabinieri della compagnia di Manduria e consegnata al proprietario. Dei circa ventimila euro di valore complessivo, mancherebbe solo il contante dell’incasso e una discreta quantità di tabacchi. Tutto grazie ai carabinieri che sono riusciti a rintracciare il posto dove i ladri, evidentemente braccati dai militari, hanno dovuto frettolosamente abbandonare il frutto del colpo che almeno nelle sue fasi iniziali era riuscito.

Il fiuto degli investigatori che sono intervenuti in forze pochi minuti dopo il furto, li ha portati al nascondiglio dove i malviventi, evidentemente con il fiato dei carabinieri sul collo, sono stati costretti ad abbandonare tutto con l’intenzione di recuperarlo con più calma. Il nascondiglio era un appartamento disabitato della stessa località balneare di Manduria di proprietà di una famiglia di Torino assolutamente ignara di quanto accaduto. Per entrare nella villetta i banditi hanno dovuto abbattere il portoncino d’ingresso. I carabinieri prima di recuperare la refurtiva e consegnarla alla famiglia Calò proprietaria del locale preso di mira, hanno organizzato degli appostamenti notte e giorno nella speranza che gli autori del furto si presentassero per ritirare il bottino. E’ tuttora in corso un’intensa attività investigativa condotta dai carabinieri della compagnia di Manduria alla guida del capitano Sergio Riccardi.

Lascia il tuo commento
commenti