Interrogatorio di garanzia e poi ai domiciliari

Già fuori il ladro d’auto: “mi servivano solo le gomme”

​E’ durata solo un giorno la carcerazione del ladro d’auto arrestato lunedì in flagranza di reato e passato ieri ai domiciliari

Cronaca
Manduria giovedì 15 novembre 2018
di La Redazione
L'avvocato Bullo con l'indagato
L'avvocato Bullo con l'indagato © La Voce di Manduria

E’ durata solo un giorno la carcerazione del ladro d’auto arrestato lunedì in flagranza di reato e passato ieri ai domiciliari. «Non era mia intenzione rubare la macchina ma solo le gomme perchè le mie sono da cambiare e non ho soldi per comprarle». Questa giustificazione ed altre attenuanti messe in luce dal suo avvocato difensore, Lorenzo Bullo, sono valse la scarcerazione al manduriano Salvatore Raho, trentanovenne, arrestato lunedì mattina in flagranza di reato dai carabinieri della compagnia di Manduria. L’uomo che deve rispondere di furto e violazione delle prescrizioni della misura di prevenzione della sorveglianza speciale a cui era sottoposto per altre condanne, durante l’interrogatorio di garanzia ha preferito rispondere alle domande dei magistrati, pm Maria Grazi Anastasia e gip Paola Incalza, che alla fine gli hanno attenuato la misura preventiva. «Non volevo la macchina ma le ruote, tanto è vero che l’ho lasciata parcheggiata poco distante; le mie condizioni economiche - ha aggiunto – non mi consentono di fare acquisti». Sul mancato rispetto degli obblighi a non spostarsi da Manduria, l’indagato ha detto che non sopportava più la restrizione che faceva seguito a tre anni di arresti domiciliari continuativi.

Raho lunedì mattina si era recato a San Pietro in Bevagna e si era introdotto in un appartamento. Approfittando dell’allontanamento del padrone di casa che eseguiva lavori nel giardino, si era impossessato di un marsupio contenente le chiavi dell’auto parcheggiata fuori, una Ford C Max, con la quale si è allontanato inseguito a piedi dal proprietario che era stato allertato dal rumore del motore. La vittima ha telefonato a suo figlio assieme al quale si è recato in caserma per denunciare il furto della macchina. Nel frattempo un altro figlio del derubato individuava la macchina ferma in una stradina di campagna nella stessa località balneare manduriana dando così le coordinate alle forze dell’ordine che hanno fatto scattare l’operazione. Una pattuglia del reparto radiomobile ha così rintracciato il pregiudicato che alla vista dei militari ha abbandonato il veicolo proseguendo la fuga a piedi. È stato poi raggiunto e bloccato dai carabinieri che lo hanno portato in caserma e dichiarato in arresto. La macchina con il marsupio e il portafoglio, che non conteneva denaro ma solo documenti di riconoscimento, sono stati consegnati al legittimo proprietario che ha lamentato solo la scomparsa di un orologio di acciaio che si trovava nel cruscotto dell’auto e le chiavi della stessa.

N. Din.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Bruna Raho ha scritto il 16 novembre 2018 alle 12:21 :

    Ciao Lorenzo se qualcosa ti sta bruciando esistono delle creme... Rispondi a Bruna Raho

  • Bruna Raho ha scritto il 15 novembre 2018 alle 21:35 :

    Gregori a te invece ti pagano per dire dove devono andare le persone a prendere qualcosa?? No sai che se ti pagano mi unisco a te magari mi guadagno qualcosa di soldi anch'io.... Tanti saluti e un bacio anche a te😘 Rispondi a Bruna Raho

    Alessandro il grande ha scritto il 16 novembre 2018 alle 20:29 :

    La signora ha una parola buona per tutti..le voglio fare una domanda..poi non sia volgare i commenti vengono letti da un sacco di persone..le chiedo che cosa pensa Delle persone che rubano??? Poi non si preoccupi non perderò più tempo con lei.. Rispondi a Alessandro il grande

  • Bruna Raho ha scritto il 15 novembre 2018 alle 21:33 :

    Alessandro l'oro che dici tu che ha appeso alla collana non sono affari tuoi.... Poi mi dici dove stanno le macchine super truccate che tu dici.... Non parliamo sempre su altre persone che magari un giorno per mancanza di soldi ci vai a rubare pure tu e anche io dovrò scrivere tutte queste cose a te. Magari la buttassero a te la chiave e ti dovranno raccogliere con un cucchiaino.... Ciaoooo un bacioooo😘 Rispondi a Bruna Raho

  • Alessandro il grande ha scritto il 15 novembre 2018 alle 13:26 :

    Non si è mai chiesto che lavorando onestamente ci si può comprare le gomme un auto e magari fare una vita dignitosa??? L oro appeso alle collane li ci stanno i soldi o le macchine super truccate con migliaia di euro di modifiche buttate su quelle macchine senza poi dire quando fanno gli spacconi dei miei c.....ma fatemi il piacere metteteli dentro e buttate le chiavi gente del genere non dovrebbe avere posto nella società...dimenticavo in campagna ci sta tanto lavoro..PS ma la si lavora e si suda quello lo fanno solo gli onesti e brava gente... importante girare con stereo alzato a palla a vendere ricotta.. Rispondi a Alessandro il grande

    Bruna Raho ha scritto il 15 novembre 2018 alle 21:21 :

    Alessandro pensa alla tua di vita e non a quella degli altri come dici tu collana di oro e robe varie la non sono affari tuoi.... E le macchine super truccate dove cazzo le stai vedendo? Lavatevi la bocca prima di parlare sugli altri Rispondi a Bruna Raho

    Alessandro il grande ha scritto il 16 novembre 2018 alle 15:16 :

    Signora bruna raho lavorare lavorare lavorare ha 39 anni il raho è giovane ha la salute..per me ha tutto ..forse la voglia...gli manca. purtroppoo per fortuna io sono molto fascista su queste cose anche se non lo sono poi la legge farà il suo corso buona fortuna signora raho... Rispondi a Alessandro il grande

    Alessandro il grande ha scritto il 16 novembre 2018 alle 15:11 :

    Mi sembra di capire che lei è un parente, signora bruna raho non deve passare il messaggio che chi per lei ha rubato una macchina e prendersi le gomme..signora quando io ho bisogno del gomme vado dal gommista non vado a rubare una macchina e la mattina mi alzo per andare a lavorare e spesso lo faccio anche di notte quando è Natale e quando e la befana o capodanno perché sono una persona onesta che sì è alzato le maniche appena maggiorenne e a deciso cosa fare del suo futuro diventando un mattoncino dove copre un ruolo in questa società ..le ripeto signora io il raho lo conosco da quando era ragazzino e non mi venga a dire a me che era un angioletto....e non è il solo...non si preoccupi per me signora io non muoriro' mai d fame perché se dovessi morire io vuol dire che l Italia è arrivata.. Rispondi a Alessandro il grande

    Bruna Raho ha scritto il 17 novembre 2018 alle 12:39 :

    Signore Alessandro il grande... Lo sappiamo benissimo che tu il 'Raho' l'ho conosci benissimo da ragazzino tranquillo tu puoi dormire su 100 cuscini stai proprio sereno che non di certo ci devi dormire tu dove sta dormendo un mio 'parente' buona giornata

    gregorio bru. ha scritto il 15 novembre 2018 alle 19:55 :

    Ci era sciutu do lu mimmu lu gommista 4 gomme bunnarieddi l'era acchiati ntra li gargassi ca teni daffori! Rispondi a gregorio bru.

    Bruna Raho ha scritto il 15 novembre 2018 alle 21:22 :

    Ma senti a te invece ti pagano per dire le cose che devono fare gli altri? Fammi capire? Rispondi a Bruna Raho

    lorenzo ha scritto il 16 novembre 2018 alle 05:37 :

    Gentilissima Bruna, hai una casa alla Marina? Se é si, mi servirebbe: Una bombola del gas, uno scaldabagno, un frigorifero e un motorino dell'acqua. Non ho soldi. Posso venire a rubarteli? Scusami in anticipo

Altre news
Le più commentate
Le più lette