Operazione dei carabinieri e della Capitaneria

Stabilimenti abusivi nelle marine di Manduria, tre denunce e sequestri

Al termine delle operazioni sono stati sequestrati undici pedalò, due acquascooter e una struttura in legno adibita a chiosco.

Cronaca
Manduria martedì 28 agosto 2018
di La Redazione
Sequestro in spiaggia
Sequestro in spiaggia © La Voce

Due fratelli di Oria di 58 e 53 anni e un manduriano di 49 sono stati denunciati dai carabinieri di Manduria per occupazione abusiva di una porzione di spiaggia nelle marine di Manduria.

Nel corso di servizi di controllo straordinario del territorio, finalizzato all’accertamento dei titoli autorizzativi necessari per la gestione degli stabilimenti balneari nelle località turistiche di San Pietro in Bevagna e Specchiarica, i militari della compagnia e della stazione carabinieri, con il personale della Capitaneria di Porto, hanno accertato l’occupazione abusiva di alcune aree demaniali marittime che venivano destinate ad attività di noleggio abusivo di pedalò ed acquascooter ed all’impianto di un chiosco utilizzato per la somministrazione di alimenti e bevande.

Al termine delle operazioni sono stati sequestrati undici pedalò, due acquascooter e una struttura in legno adibita a chiosco.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Marco ha scritto il 29 agosto 2018 alle 09:38 :

    E’ una normalita’ che i controlli in certi posti vengono effettuati a estate finita oppure non vengono controllati xche amici degli amici in quanto non è possibile non accorgersi dei parcheggi abusivi etc. E’ la solita storia del Comune di Manduria. Mi viene la voglia di vendere tutto e andarmene dopo 50 anni di vacanze in San Pietro Rispondi a Marco

  • gregorio bru. ha scritto il 28 agosto 2018 alle 11:48 :

    Dieci giorni ancora e sarebbero andati via da soli. Rispondi a gregorio bru.

  • Vincenzo ha scritto il 28 agosto 2018 alle 11:32 :

    In relazione all'operazione condotta congiuntamente dai Carabinieri e dalla Capitaneria di porto, atta a contrastare l'occupazione abusiva delle aree demaniali chiedo alle autorità competenti: - bisognava aspettare il volgere della stagione estiva per intervenire? - quanti hanno dovuto sacrificarsi a piantare il loro ombrellone altrove, pur avendo nelle immediate vicinanze della spiaccia l'abitazione che procura al Comune un gettito di IMU alquanto oneroso? - i proventi dell'attività illecitamente svolta, per almeno due mesi, non consentirà a quanti hanno operato di riacquistare altri pedalò e moto d'acqua, per essere presenti sulle spiagge anche l'anno prossimo? Sono deluso profondamente da come vanno le cose. Rispondi a Vincenzo

  • lorenzo ha scritto il 28 agosto 2018 alle 11:00 :

    Per tutto il mese di luglio e agosto, entrando dalla strada che costeggia il Chidro e percorrendo circa 100 mt si accede ad un meraviglioso, sublime e incantevole parcheggio abusivo in area protetta con pagamento in nero! Qualcuno l'ha notato? Bliz?incredibile, favoloso, fantastico. Evviva Mexico!! Rispondi a lorenzo

    Denise ha scritto il 30 agosto 2018 alle 11:32 :

    Caro Lorenzo la zona di area protetta per anni e anni è stata oggetto di atti vandalici e incendi dolosi arregando danni alle persone che vivono nelle vicinanze e hai vacanzieri che frequentano questa zona...oggi grazie a Dio c'è qualcuno che rende la zona vivibile con pulizia e con tanti sacrifici la rende utile a persone che decidono di soggiornare al fiume chidro! Rispondi a Denise

    lorenzo ha scritto il 30 agosto 2018 alle 20:39 :

    Cara Denise nel fiume visto che è un SIC per legge non si può sperare. Il Fiume è un area a vincolo ambientale con ponte pericolante nonché riserva floro/faunistica e quindi non casa tua ma semmai da salvaguardare per le future generazioni. Poi io ho descritto un posteggio abusivo e non uno autorizzato con permessi regolari. Infatti ho parlato di cento metri entrando nella strada del Chidro. Mi spiace che tu abbia frainteso. Rispondi a lorenzo

  • sergio di sipio ha scritto il 28 agosto 2018 alle 10:33 :

    Qualche mese addietro assistetti ad una riunione di un partito politico di Manduria dove chi sedeva al tavolo dell'organizzazione era un Avvocato. I primi tre cominciarono raccontando che la legge sulle spiagge non esiste i quarto, che era un professore universitario ed insegnante dei primi tre concluse esprimendo il proprio parere. La questione era che il piano spiagge aveva la necessità di farsi dare il "tutto và bene" da tutti gli interlocutori che avrebbero dovuto rilasciare la licenza. Non ricordo quali fossero ma al minimo 5 o 6 e magari anche di più. Quindi invitava di rivolgersi ad un legale e procedere. Avrebbe pensato lui come chiudere la faccenda. Questo è quanto. Mi scordai di chiedere delucidazioni sull'acqua potabile mancante nelle Marine di Manduria località Torre Colimena. Rispondi a sergio di sipio

    mimma urbano ha scritto il 28 agosto 2018 alle 12:35 :

    veramente l acqua potabile manca ancora in pieno centro a manduria figuriamoci a mare......quindi di cosa stiamo parlando?....vergogna.... Rispondi a mimma urbano

    Felice ha scritto il 28 agosto 2018 alle 12:08 :

    Mi stà simbrava stranu cà no ha circatu l'acqua... Rispondi a Felice

    sergio di sipio ha scritto il 28 agosto 2018 alle 19:59 :

    Caro Felice in realtà l'acqua l'ho cercata alle 10:33 mentre la sua è segnalata alle 12:08 quindi anche oggi l'ho cercata. Ciao caro Felice e buona serata. Mi tolga una curiosità ma secondo Lei perché sono quasi solo a cercare l'acqua potabile. Sarei soddisfatto di avere una risposta perché non riesco a darmene una valida. Rispondi a sergio di sipio

    Alessandro il grande ha scritto il 29 agosto 2018 alle 22:24 :

    Bè era da un bel po' che non cercava l acqua il signor di sipio..vediamo tiro ad indovinare stata cercando l acqua perché a sete...??? Come le è stato sempre detto e ripetuto che le scrive qui non arriverà mai al suo intento perché questo non è il posto giusto per le richieste dei servizi acqua e fogna vada al comune all' acquedotto e si lamenti oppure scriva nero su bianco...ma qui non farà altro che snervare i lettori e rendersi ridicolo quello che già sta facendo...

Altre news
Le più commentate
Le più lette