Martedì, 16 Agosto 2022

Ambiente

Si discuteranno le osservazioni presentate dai gruppi di minoranza

Trincee drenanti, si torna in aula con le osservazioni

La tavola rotonda sul depuratore al Circolo Cittadino La tavola rotonda sul depuratore al Circolo Cittadino © La Voce di Manduria

È stato fissato per l’8 giugno alle ore 9 (sempre di mattina nonostante le richieste accorate della minoranza che denuncia spreco di denaro pubblico derivato dai rimborsi ai datori di lavori dei consiglieri dipendenti), il prossimo consiglio comunale di Manduria. All’ordine del giorno la definitiva ratifica della variante urbanistica e dello schema di cessione gratuita all’Acquedotto pugliese dei 60mila metri quadrati di terreno, in contrada Masseria Marina a San Pietro in Bevagna, per la realizzazione delle trincee drenanti del depuratore di Urmo-Specchiarica. 

In quella occasione si discuteranno le osservazioni presentate dai gruppi di minoranza che evidenzierebbero delle illegittimità urbanistiche e progettuali dei piani di Aqp. 
I consiglieri di minoranza faranno di tutto, in quella occasione, per frenare la corsa a quello che viene definito come un possibile disastro ambientale. Parallelamente all’impegno politico dei consiglieri, all’esterno si dovrebbe organizzare una seconda manifestazione di protesta pacifica ma rumorosa anche questo con la speranza che qualcosa cambi. 

La proposta di un coinvolgimento della popolazione all’esterno del municipio mentre all’interno si svolgeranno i lavori, è stata lanciata in occasione della tavola rotonda sul depuratore che si p tenuta domenica sera nel Circolo cittadino di Manduria. Nella stessa occasione si è ipotizzato anche un ricorso alla giustizia amministrativa.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

1 commento

  • Egidio Pertoso
    mar 31 maggio 07:55 rispondi a Egidio Pertoso

    Che improvvisazione! Si procede a tantoni. Stranamente coloro che dicono di voler salvaguardare il territorio e l'ambiente, son paladini solo quando si tratta di opere pubbliche. Qualche domanda e dubbio ci viene. Constatiamo quotidianamente come il nostro territorio è usato ed abusato da noi privati abitanti. Distruggiamo, per ignoranza innata, sconvolgendo quel territorio che un tempo era costituito da paludi,boschi,pezza, macchia e dune incontaminate di cui non è rimasta manco memoria. Nessuno chiede una programmazione per l'uso controllato del territorio e mettere ordine agli usi ed abusi fatti. Fare dei piani per usarlo al meglio, anche per lo sviluppo. Tutelare l'ambiente;per vivere e sopravvivere.Si puo' decidere, anche, di distruggere tutto ma, quantomeno, con un piano condiviso ed accettato ( siamo in democrazia), come hanno fatto gli oligarchi russi per l'Ucraina.

Tutte le news
La Redazione - oggi, mar 16 agosto

L'associazione ambientalista manduriana, «Azzurro Ionio», ha avviato una campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi per finanziare un ricorso ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, mar 16 agosto

«Vi racconto il mio coming out», si chiama Leonardo Caldarola, ha 17 anni, vive a Manduria e sarà ...

Tutte le news
La Redazione - lun 15 agosto

Opere d'arte di breve durata, il tempo di un bagno, a volte sino all'arrivo dell'onda lunga che cancella il lavoro di ...

Tutte le news
La Redazione - lun 15 agosto

Sulla spiaggia di lido dei Cavalieri a Campomarino sta avvenendo la nascita di piccole tartarughe marine che ripaga ...

Tutte le news
La Redazione - dom 14 agosto

Tuffarsi dal ponte del fiume Chidro, oltre che pericolosissimo perchè l'acque è bassa, è anche stato espressamente vietato dalla ...

«Ogni mattina percolato a San Pietro in Bevagna dai camion della spazzatura»
La Redazione - gio 9 giugno

«Non solo quello delle discariche, ora il percolato lo dobbiamo sopportare anche per strada». La denuncia è del consigliere comunale Mimmo Breccia che sulla pagina Facebook del suo movimento «Manduria ...

Auto sulla battigia, la polizia locale denuncia la rimozione dei dissuasori
La Redazione - lun 13 giugno

Con la stagione balneare è ripresa l’invasione della auto sulle zone dunali delle marine di Manduria. Ieri dei cittadini hanno segnalato alla polizia locale la presenza di macchine parcheggiate a pochi metri dalla ...

A Torre Colimena dibattito sull'attivismo sostenibile con l'assessora regionale all'ambiente
La Redazione - ven 17 giugno

Domani 18 giugno a Torre Colimena ci sarà un confronto pubblico sull’animazione ambientale e il protagonismo sostenibile dei cittadini a cui prenderanno parte operatori del settore, i sindaci del ...