Lunedì, 6 Febbraio 2023

Attualità

La studentessa messapica scelta dal fotografo romano Pietro Sacchini

La manduriana Serena Passaseo è la nuova Monica Bellucci nella mostra dedicata al maestro Morricone

Lo scatto di Serena Passaseo Lo scatto di Serena Passaseo

La straordinaria somiglianza con Malèna, il personaggio filmico interpretato da Monica Bellucci, le ha permesso ad una manduriana di posare per un importante fotografo romano e di presenziare, seppur attraverso uno scatto, tra le trentacinque opere prescelte per la mostra in tributo a Ennio Morricone ospitata nella capitale nella Galleria Il Leone.

Per l’esposizione “Non servono parole”, inaugurata il 25 novembre a Roma e dedicata al genio della musica, decine di artisti hanno fatto rivivere le composizioni di Morricone attraverso diversi contributi artistici: fotografie, quadri, sculture, installazioni e illustrazioni. Tra queste anche lo scatto che omaggia Malèna, colonna sonora del maestro e film di Giuseppe Tornatore, rappresentata, appunto, da una bellezza tutta manduriana.

Lei si chiama Serena Passaseo, ha 21 anni, è una studentessa universitaria e mai si sarebbe aspettata di essere tra le muse ispiratrici di Pietro Sacchini, fotografo romano che ha rivisto nella sua figura la stessa pura sensualità di Malèna, una vedova di guerra interpretata da Monica Bellucci. Per ricordare il personaggio, l’artista Sacchini ha fatto indossare alla manduriana un lungo e morbido vestito mentre la ritrae scalza e con i capelli al vento aggrappata a una porta estratta da un vecchio muro. Malèna è una donna mediterranea bellissima, dai capelli neri e di cui tutti si innamorano e Morricone nel 2000 le dedica una composizione che ne restituisce tutta la sensualità mediterranea. Componimento magistrale, uno dei più di cinquecento realizzati nella lunga carriera del direttore d’orchestra.

 

Lo scatto-omaggio che ritrae la giovane Serena Passaseo è stato selezionato da una commissione e scelto dall’ideatore e curatore della mostra romana, Gina Affinito. E’ visitabile dall’altro ieri nella Galleria Il Leone in Via Aleardo, 12, di Roma, sino al primo dicembre.

Marzia Baldari


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

1 commento

Tutte le news
La Redazione - oggi, lun 6 febbraio

Ha molto incuriosito gran parte dei nostri lettori, l’aver scoperto dal nostro articolo di sabato scorso (Minnie Minoprio ...

Tutte le news
La Redazione - dom 5 febbraio

Vigili del fuoco e tecnici dell’Enel a lavoro questa notte per l’incendio di un’autovettura ...

Tutte le news
La Redazione - dom 5 febbraio

Vento e fiocchi di neve a Manduria e in diversi centro del Salento. E’ arrivato dai Balcani, come era stato previsto, il freddo che farà ...

Tutte le news
La Redazione - sab 4 febbraio

La giornata dei calzini spaiati per educare i bambini d’asilo ad accettare le diversità. E’ la bellissima idea avuta dalle ...

Tutte le news
La Redazione - sab 4 febbraio

Un male incurabile ha stroncato la vita di Cosimo Giuliano, manduriano, stimato professore di lettere classiche e uomo di cultura e di politica. ...

I fiori No, anzi Sì, ma lo sconsiglio
La Redazione - ven 9 settembre 2022

Il sindaco di Manduria, Gregorio Pecoraro, ha voluto chiarire a modo suo il divieto di deporre fiori sulle nuove lapidi della colombaia ristrutturata del vecchio cimitero. In un servizio concesso a Telenorba, dopo la pubblicazione della notizia diffusa dal nostro ...

Rianimazione del Giannuzzi, un felice caso di buona sanità
La Redazione - gio 29 settembre 2022

Un caso di buona sanità, soltanto l’ultimo dal punto di vista cronologico, al reparto di rianimazione dell’ospedale “Marianna Giannuzzi” di Manduria. ...

Nella città Messapica il primo centro antidiscriminazione per contrastare intolleranze e violenze di genere
La Redazione - ven 30 settembre 2022

All’alba dell’avvento nazionale della destra radicale, dello spauracchio fascista e della temuta compressione dei diritti civili, a Manduria giunge una buona notizia: nasce il primo ...