Domenica, 27 Novembre 2022

Salento Puglia e mondo

Alcol, droga e poi rapine, tutto nel suo libro, "Esiste la luce nel buio" edito da Casa Editrice Kimerik e acquistabile in tutti gli store on line

"Il carcere mi ha salvata", la storia di Paola

Paola Aceti con la copertina del suo libro Paola Aceti con la copertina del suo libro

«Il carcere mi ha aiutata ad uscire dalla tossicodipendenza». A raccontarlo è Paola Aceti, prima cuoca e poi scrittrice, di origini romane, succube da anni della droga. La detenzione l’ha salvata perché costretta a riflettere su sé stessa e i suoi errori. E poi la cura. Un libro, scritto durante la pandemia: “Esiste la luce nel buio”, che è anche una guida per chi si sente ancora perso.

La droga lei la chiama «l’anestetico», la sostanza che cristallizza i traumi. Quelli che per Paola nascevano da complicati rapporti famigliari e relazioni sentimentali distruttive. Prima però, da adolescente, c’era stato anche l’alcool e a trent’anni la cocaina. Poi un gesto estremo: la rapina. «Quando ti droghi arrivi a compiere questi gesti estremi, solo per farti», spiega la ex tossicodipendente rievocando le ferite del suo passato.

Il racconto

«Ho iniziato a bere a 17 anni e a drogarmi dopo la separazione del mio ex marito – ha spiegato la donna -. Mi sentivo sola e ho avuto un crollo psicologico». La vita di Paola è stata costernata, sin da giovanissima, da una insopportabile solitudine: si sentiva abbandonata e senza speranza di vivere una vita d’amore, sebbene fosse circondata da tante persone. «Gente sbagliata però», come specifica lei stessa. Incontri malsani che l’hanno portata dritta in carcere quando, insieme al suo ex compagno, ha compiuto un atto delinquenziale. «La colpa è di entrambi – ha voluto precisare Paola -, ma quel gesto estremo, quella rapina per poter comprare la droga, mi ha poi salvato perché ci hanno beccati subito e ho sentito quasi un sollievo», ha dichiarato inaspettatamente la donna. Il carcere quindi le ha permesso di riflettere, di fare un’autoanalisi e di «amarmi», dice. Una nuova solitudine, positiva e costruttiva stavolta, che l’ha obbligata a mettere ordine nella sua vita e a voltare definitivamente pagina.

E una nuova vita c’è stata, anzi c’è, per Paola, oggi sia cuoca che scrittrice. Dopo l’esperienza «senz’altro dura ma formativa del carcere», come ha raccontato, ha deciso di scrivere un libro curativo e d’esempio per chi è ancora dipendente dalla droga. «L’ho scritto durante la pandemia da Covid-19, perché essere chiusa tra quattro mura mi ha fatto rivivere quei giorni di reclusione. Una claustrofobia produttiva – ha spiegato -, perché mi ha portato oggi fin qui, e spero questo libro sia d’esempio per molti altri», ha concluso Paola con un grande sorriso e stringendone con orgoglio una copia in mano. Il suo libro, "Esiste la luce nel buio" edito da Casa Editrice Kimerik e acquistabile in tutti gli store on line.

Marzia Baldari


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
Salento Puglia e mondo
La Redazione - oggi, dom 27 novembre

Non rendere disponibili su richiesta gli atti pubblici è reato. Lo ha capito il comandante ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - sab 26 novembre

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Taranto hanno eseguito, nella giornata di ieri, una misura di prevenzione ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - ven 25 novembre

La Procura della Repubblica di Taranto ha aperto un fascicolo d’indagini sul concorso pubblico per 11 ispettori ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - gio 24 novembre

Questa mattina, a seguito di tempestiva attività di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Taranto, i Carabinieri ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - mer 23 novembre

A grandi passi verso il lungo Natale dei Tarantini. Taranto prova ad accendersi con le luci della festa,  ergendo a simbolo della speranza e della volontà ...

Assolta donna di Torricella era accusata di chiedere il pizzo alla badante
La Redazione - sab 19 novembre

Sei mesi di reclusione ai domiciliari e un anno di processo. Poi l'assoluzione dall'accusa principale di tentata estorsione e di danneggiamento. «Ora voglio giustizia», urla fuori dall'aula Monica Carpignano, ...

Premiati i vincitori dei concorsi dell'Istituto alberghiero di Maruggio-Pulsano
La Redazione - sab 19 novembre

Viva partecipazione, entusiasmo e commozione alla cerimonia di premiazione della II edizione dei concorsi Il gusto della vita e La scuola che vorresti tenutasi il 16 novembre 2022 presso l’I. P. S. S. E. O. A Mediterraneo ...

Porsche Carrera distrutta, conducente ferito non gravemente
La Redazione - dom 20 novembre

Forse l’asfalto reso viscido dalla pioggia la causa della perdita di aderenza di una Porsche Carrera che è andata a sbattere contro il guardrail sulla Brindisi-Lecce. E' successo questa sera intorno alle ore 17. ...