Venerdì, 9 Dicembre 2022

Cronaca

LE segnalazioni su Facebook

Caro ombrellone, i villeggianti lamentano prezzi esorbitanti dei lidi del litorale Messapico

Caro prezzi Caro prezzi © La Voce Di Manduria

Un posto al sole, esclusivo, con il comfort di un lettino extralarge e la godereccia vista delle marine manduriane. Tutto questo per il turista/consumatore di San Pietro in Bevagna quest’anno scotta davvero tanto. E non solo per via delle alte temperature, ma per i prezzi da capogiro dei lidi privati che bruciano

ancor più se per rinfrescarsi, lo stesso cliente nello stesso stabilimento, deve spendere quasi cinque euro in più per una bevanda, talvolta senza neppur ricevere lo scontrino. «E allora cambiate posto, abbiamo libertà di scelta, e segnalate alla Guardia di Finanza!», il consiglio spassionato di un utente sulla pagina Facebook di scambi di opinioni “Io amo San Pietro in Bevagna” che ha accolto numerose approvazioni dalla community.

Senz’altro non una novità, questo generale rincaro dei prezzi che ha colpito anche gli stabilimenti balneari messapici e ha portato, di conseguenza, a un diffuso malcontento; sul social infatti lo stesso utente scrive: «Nessuno obbliga ad andare al lido ma vi sono altri lidi a San Pietro, molto più economici e onesti, io stesso ho preso uno spritz a 8 euro in bicchiere di plastica e un po’ più avanti l’ho pagato 6 euro in bicchiere di vetro, molto più buono, tra l’altro. Non ci conviene il prezzo? Il prodotto si lascia. E non si ritorna più», suggerisce il commentatore.

Al seguito di questo post le lagnanze dei manduriani per lo sfrenato aumento di materie prime, dei lettini privati e dei prezzi “ballerini”, sono stati infatti tanti, tra questi c’è chi scrive: «Caffè in bicchiere di plastica euro 1.20, scontrino solo su richiesta».

E se l’evasione fiscale dev’essere denunciata, la questione dei prezzi ha però un’altra risposta, perché è sempre il mercato a pesare le fasce di prezzi, lo stesso che porta gli operatori a fare determinate scelte: il valore di un prodotto segue infatti dei piani strategici ed è l’espressione della soddisfazione di uno o più bisogni del consumatore che ovviamente implica un sacrifico monetario. Insomma è sempre lui, il cliente, a fare la sua scelta. «Se notate che un panino vi viene venduto a 9.50, che la lattina di the in occasione della domenica aumenta a 5 euro, - scrive sempre l’autore del post -, che misteriosamente al cocktail non viene battuto lo scontrino segnalatelo. E soprattutto non andateci più e spargete la voce, il che non vuol dire diffamare ma raccontare la propria esperienza».

E per tutte le tasche, la costa ionica ha la fortuna di avere ancora lunghi tratti di spiagge incantevoli e libere.

Marzia Baldari


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

24 commenti

  • Gregorio
    mar 9 agosto 17:51 rispondi a Gregorio

    L'annoso problema è quello della liberalizzazione delle concessioni delle spiagge. Saremmo tutti (e dico TUTTI) più ricchi a Manduria se vi fossero delle gare d'appalto SERIE, TRASPARENTI e DOCUMENTATE. Solo così il paese gioverebbe dell'alto numero di turisti e dei prezzi "folli" applicati ultimamente. In più... io non mi vergogno a chiedere lo scontrino sempre. Non mi sembra che molti miei compaesani facciano lo stesso...

  • Gregorio
    mar 9 agosto 07:23 rispondi a Gregorio

    Cari villeggianti,l'ombrellone non è un bene di prima necessità!!!Parliamo di fare la spesa ,che qui acquistate a chili mentre nei paesi di residenza acquistate a pezzi ??Ne parlate solo sul bagnasciuga. Grazie e buona giornata

  • Walter
    mar 9 agosto 06:53 rispondi a Walter

    Le Topaie fatiscenti senza cessi(bagno) non sono cari,,Perché a nero???? Chi offrono. servizi sono cari, Guardi che fortunatamente sei nel Sud dove ci sono spiagge libere..Nessuno ti fa da servo(ti mette ombrellone,sdraio,bagno,docce e ti pulisce la spiaggia) Quindi sei libero di scegliere come quando fai la spesa

  • Manduriano
    lun 8 agosto 20:57 rispondi a Manduriano

    Tutti a fare i finti vip e poi a lamentarsi ! Andate alle spiagge libere e nn lamentatevi dei prezzi . Tutti a voler apparire a tutti i costi e poi sempre a lamentarsi. Chiamate la guardia di finanza se avete gli attributi , altrimenti cambiate aria . Opinione personale.

  • Martiradonna Francesca
    dom 7 agosto 09:07 rispondi a Martiradonna Francesca

    È vero prezzi esorbitanti,ospitalità zero,Rio de mar gentilezza zero,strade senza marciapiedi,sporche, pericolosità per le strade,peccato perché il posto è incantevole mare stupendo ma poca cura.ma esiste un comune?,un Sindaco?,certo per loro i soldi entrano comunque,noi che paghiamo le tasse, rifiuti,abbiamo llo scempio,datevi una mossa,perché se si continua così i turisti andranno altrove. Già quest'anno la piazza è semi deserta

    • Gregorio
      dom 7 agosto 12:28 rispondi a Gregorio

      Sig Francesca,ma quale turisti andranno altrove??Se fosse come dice Lei ,qui il cambiamento era già avvenuto.Il proverbio dice,,,Vin quando l acqua arriva al. Mulino lascia perdere....Quelli che arrivano qui non sono Turisti come lo chiama Lei,,,,tra catapecchie ,immondizia ,,arroganza e mancanza di servizi,,Ma in cambio c'è il NERO!!!!!🤔🤔🤑🤑🤑🤑🤑

  • Sandra
    dom 7 agosto 04:53 rispondi a Sandra

    Che peccato! C'è gente che si impegna per offrire un servizio e poi c'è chi come al solito ne approfitta con il rincaro dei prezzi e i soliti imbrogli. Non c'è nulla da fare è la mentalità del luogo che continua ad essere sbagliata. Si continua ancora a pensare di dover lavorare solo 3 medi l'anno per vivere con quel guadagno poi tutto l'anno. Questo vale per i lidi come anche per gli affitti delle case, che ormai sono impagabili. Non capendo che le risorse vere che abbiamo a Manduria se ben curate e considerate tali, possono attirare i turisti anche per lunghi periodi all'anno. Ma se si continua così, approfittandosi in questo malo modo della gente, turisti esteri o emigrati al nord o altrove, senza capire cosa significa ospitalità e cercare di essere cordiali e invogliare i turisti a tornare altre volte in futuro costruendo un legame, tra qualche anno la vedo dura! Poi non piangete.

    • Lorenzo
      dom 7 agosto 14:34 rispondi a Lorenzo

      Tre mesi???? Magari fossero tre mesi all' anno. Massimo dal 29 giuno al 2 settembre. Come nel medio evo, da San Pietro e Paolo a San Gregorio e tanti soldi subito e maledetti. 😜 Servizi...? Civiltà? Strutture? Acqua potabile? 🤣🤣🤣🤣🤣

  • Giuseppe Melle
    ven 5 agosto 15:57 rispondi a Giuseppe Melle

    I beni dello stato dovrebbero rimanere allo Stato, così come prevede la nostra costituzione, di cui tutti si riempiono la bocca, semmai le autorità territoriali dovrebbero provvedere a custodire nella maniera giusta tali beni rendendo gli stessi liberi di essere goduti da tutti, le istituzioni territoriali dorebbero altresi' provvedere al controllo e al mantenimento del decoro di tali beni e nel caso assumere personale preposto a tale scopo. Dipendesse da me revocherei a tutti le concessioni che sono state date per utilizzare un bene che appartiene alla collettività.

    • Nik
      ven 5 agosto 20:23 rispondi a Nik

      Sarebbe l'ideale....se avvenisse quanto descritto. Purtroppo viviamo in Italia, dove non sempre diamo (me compreso) buon esempio di come devono essere utilizzati i beni pubblici. Basta ricordare, visto che siamo in estate, quello che "rimane" dopo aver passato il ferragosto nei vari posti delle immediate vicinanze del mare.

  • Umberto Di castri
    ven 5 agosto 15:10 rispondi a Umberto Di castri

    Il problema che non esiste in Puglia una mentalità imprenditoriale. Il cliente va ben trattato per fidelizzarlo e per creare il circuito virtuoso di fare passa parola! Così facendo, il Salento, fra qualche anno, sarà DESERTO!

  • Lorenzo
    ven 5 agosto 08:03 rispondi a Lorenzo

    Quando finiranno di venire alla Marina i manduriani residenti in tutta Italia e man mano questi si venderanno le case al mare purtroppo Manduria e la sua Marina torneranno ad essere luoghi alla merce' di speculatori e forestieri, distruttori di territorio sotto il naso di politici e pseudo politici che rimarranno inermi. Opinioni

    • Gregorio01
      dom 7 agosto 09:20 rispondi a Gregorio01

      Bravo Sig. Lorenzo , condivido !!! A S.Pietro in bevagna ci sono parecchi "forestieri" , soprattutto Baresi, che acquistano proprietà dove la trasformano in B.&B. , es. Una proprietà di 150mt/q , trasformata in 4 mini appartamenti (talmente stretta, che invece di piazzare il comodino vicino al letto , ci piazzano il WC ) 🤣🤣🤣, aggiungo, SONO REGOLARI ? Imu, Ici, Tarsu, Marzu e così via !!🤣🤣 I controlli da parte del Comune ? Dorme ?!!😴💤💤

  • Cosimo Massafra
    ven 5 agosto 07:33 rispondi a Cosimo Massafra

    Semplicemente vergognoso, il danno che costoro stanno facendo alla comunità è enorme. Passato il Covid in tanti non torneranno, i prezzi medi applicati sono ben più alti di quelli del medio/basso Adriatico e di buona, parte del Tirreno . La qualità è scesa verticalmente. I turisti non sono polli da spennare, ma risorse da tutelare. Sia chiaro, se state disgustando noi emigrati che per amore veniamo a trascorrere le vacanze dove siamo nati al punto di chiederci se vale ancora la pena venire, figuratevi chi non ha legami affettivi quanto ci mette a mandarvi a...............

    • Gregorio
      sab 6 agosto 16:18 rispondi a Gregorio

      Sig Cosimo,ma ve l'ha ordinato il medico??La colpa è del turista(cosi chiamato) che fitta a Nero catapecchie fatiscenti con materazzi di escrementi ???È il bello che. ogni anno tornano . (ma da dove venite dove vivete)? E poi si lamentano di chi da i servizi. Questo è di chi viene nella nostra marina..Il VERO turista va nel Leccese e nel Brindisino

    • mandurianolibero
      ven 5 agosto 11:57 rispondi a mandurianolibero

      Mi spiace dissentire. Il lido, nel bene e nel male, le offre un servizio ed una comodità, lei se vuole usufruire del parcheggio, dell'ombrellone/gazebo, delle sdraio, dei bagni, del bagnino e del bar paga e sta zitto altrimenti vada alla spiaggia libera. Manduria ne ha 18 km. i prezzi sono esposti in tutti i lidi all'ingresso. Se poi lei paragona i lidi locali a quelli sulla riviera, premesso che nessuno le vieta di non andarci, dove il mare fa pena, e ovvio che non regge; però provi ad andare a Peschici, sull' Adriatico e poi mi dirà. Tenga presente che il lido, ha dei costi fissi esorbitanti. Ciò non toglie che se al pagamento non le rilasciano la ricevuta o lo scontrino nulla le vieta di chiamare le autorità preposte. E comunque si lamenta del costo ombrelloni e non si lamenta delle 3/4.000€ al mese per una casa fatiscente arredata con mobili di recupero e senza abitabilità?

      • Francesco
        lun 8 agosto 14:51 rispondi a Francesco

        Farsi pubblicità dicendo che qui il mare è stupendo mentre altrove un mare così se lo sognano mi pare proprio scorretto,non è mica grazie ai lidi che il mare è stupendo! Comunque ho notato che quest'anno nei lidi c'è poca affluenza.Fate i prezzi che volete,nessuno ve lo vieta,sia lidi che case in affitto,tanto tra neanche troppi anni gli effetti si vedranno. Poi servirà a poco lamentarsi.A manduria c'è un detto che dice "Lu purpu intra l'acqua sua stessa si coci"

      • Monica Mastrovito
        sab 6 agosto 17:13 rispondi a Monica Mastrovito

        Condordo, é il mio pensiero!!!

      • antonio
        ven 5 agosto 14:59 rispondi a antonio

        Ma si e' chiesto mai quanto "versano" come canone i balneari! Indaghi! E scoprira' i "profitti" che fanno! O no?

        • cittadino
          sab 6 agosto 08:07

          E a te cosa importa????? Hai investito tu su quell'impresa?????

      • Cosimo massafra
        ven 5 agosto 13:23 rispondi a Cosimo massafra

        Mi riferisco a come i turisti vengono "pollizzati" ! I prezzi sulla costa nostrana sono ormai più alti in tutti i settori. I ristoranti mediamente il 50x100 in più della costa barese, per fare la spesa bisogna andare nei paesi dell'entroterra , per appartamenti al limite del decente si chiedono 1000 euro a settimana. Per quanto credete possa durare? I comuni non sono da meno, pago per il pattume a Maruggio ove non stò più di tre settimane in un anno più di quanto dove vivo tutto l'anno in un appartamento ben più grande. Amiamo la terra dove siamo nati, ma consentiteci di amare anche chi ci abita! Ieri ho ordinato in un ristorante nostrano identiche portate prese due giorni addietro ad Ortona, la differenza? Ad Ortona tutto di qualità migliore ad un terzo in meno.

        • Iccio
          dom 7 agosto 05:56

          Ci fai o ci sei????? Non venirci, Te l'ha ordinato il medico??????

    • cittadino
      ven 5 agosto 08:27 rispondi a cittadino

      Il danno lo fa la gente che commenta e la pensa come lei, mica te lo ha ordinato il medico di andare a quel lido.

      • Cosimo massafra
        ven 5 agosto 11:26 rispondi a Cosimo massafra

        Forse non sono stato ben chiaro, non mi riferisco ai solo bagni, ma a quanto necessita ai vacanzieri, bar, ristoranti, servizi, carrello spesa, costo fitti. Lei è contento di vedere disgustati e non tornare persino chi qui è nato?.

Tutte le news
Proclamato lutto cittadino Avetrana in lutto per la piccola Viola
La Redazione - gio 8 dicembre

Avetrana in lutto per la morte di una giovanissima di appena 5 anni. Viola Buccoliero il suo nome, era ricoverata in un ospedale romano per combattere una malattia ...

Tutte le news
La Redazione - gio 8 dicembre

I due consiglieri comunali di minoranza, Domenico Sammarco e Gregorio Gentile, hanno ufficialmente aderito al Partito democratico e costituiscono ...

Tutte le news
La Redazione - mer 7 dicembre

Implementare l’intermodalità marittima per diminuire il tasso di incidentalità sulle strade e le ...

Tutte le news
La Redazione - mer 7 dicembre

La comunità di Uggiano Montefusco e di Manduria può tirare un sospiro di sollievo: don Giovanni Marraffa non è morto per causa violenta. ...

Tutte le news
La Redazione - mer 7 dicembre

«Chi controlla la regolarità dei lavori di bitumazione a Manduria». Se lo chiede il consigliere comunale ...

Massafra denuncia Minniti, gli atti alla Procura di Lecce
La Redazione - gio 24 novembre

Lo aveva promesso e così è stato. L’ex sindaco di Manduria, Roberto Massafra, ha querelato l’ex ministro dell’Interno, Domenico Minniti, firmatario del decreto di scioglimento per mafia del comune di Manduria. La ...

Caos nei vigili urbani: ma chi comanda?
La Redazione - ven 25 novembre

È caos nel Corpo di polizia municipale di Manduria privo di comando. Il comandante incaricato Teodoro Nigro, deferito dal sindaco Gregorio Pecoraro in commissione disciplinare per una presunta incompleta copertura del monte ore previsto da contratto è ...

Ventenne travolto dal trattore che si ribalta, ricoverato in codice rosso a Taranto
La Redazione - ven 25 novembre

Incidente stradale nel tardo pomeriggio di oggi alla periferia di Avetrana. Un ventenne che era alla guida di un mezzo agricolo è rimasto ferito e trasportato con codice rosso all’ospedale Santissima Annunziata ...