Home » Locali, Primo Piano » Tributi alla Censum, cominciano i guai

Tributi alla Censum, cominciano i guai

Manduria Schermata 2012 06 26 a 23.28.47 Tributi alla Censum, cominciano i guaiMANDURIA – E’ stato approvato nei giorni scorsi lo schema di contratto di aggiudicazione definitiva alla ditta Censum per l’affidamento del servizio di riscossione dei tributi locali di Manduria. La società in questione che riscuoterà anche l’Imu per conto del comune messapico, è reduce di un contenzioso giudiziario con il comune di Parabita, in provincia di Lecce, che l’ha vista soccombere nel lodo arbitrale avviato nel 2010 da quella amministrazione che lamentava irregolarità nell’operato della concessionaria.

La Censum costretta a lasciare il servizio in quel comune, è stata condannata a risarcire l’ente di circa 350mila euro e a partecipare per due terzi alle spese legali sostenute dall’Ente.

“Dal 2007 ad oggi – si legge nella sentenza – la Censum è incorsa in reiterate inosservanze delle clausole contrattuali, tra cui ritardati versamenti nelle casse comunali, tardivi e inefficienti accertamenti sull’evasione fiscale, rendicontazioni di incassi inferiori a quelli effettivamente percepiti dai cittadini, mancata presentazione dei bilanci annuali su Ici e Tarsu, ritardato pagamento dello stipendio ai suoi stessi dipendenti”.

La Censum, inoltre, ha già un contenzioso con uno dei sette dipendenti della Gestor (ex affidataria del medesimo servizio), assorbiti per contratto. L’operaio addetto alle affissioni si è rivolto ai dirigenti degli uffici comunali competenti lamentando ritardi nel pagamento dello stipendio.

La società di riscossione che ha sede in provincia di Bari si occuperà degli accertamento e delle riscossioni dei tributi locali incassando un aggio che va dal 3,52 % della riscossione ordinaria di Ici e Tarsu sino al 21,14% per la Tosap. L’accertamento dell’imposta omessa o con ritardo sui rifiuti le varrà il 15,50 di entrate. L’aggio per le multe dei vigili urbani sarà del 12,68% mentre sull’Imu guadagnerà il 2,7%.

Nazareno Dinoi 


Manduria LOGO POPULARIA 1 Tributi alla Censum, cominciano i guai

11 Commenti a " Tributi alla Censum, cominciano i guai "

  1. antonio D scrive:

    @enzo: giusto!!
    ma il segretario Generale Dott. IURLARO non dovebbe fare gli interessi della cittadinanza o di Tommasino????

  2. indelicato47 scrive:

    Carissimo direttore e ormai consuetudine che censura miei commenti..vorrei che mi spiegasse il perchè..al limite sono io responsabile..aspetto sua risposta..grazie

  3. indelicato47 scrive:

    lo detto e lo ripeto..la prima cosa che doveva fare il commissario era di allontanare o sostituire i vecchi dirigenti del comune ..ora è troppo tardi ..e neanche la commissione antimafia mandata a manduria cavera un ragno dal buco..ormai sono sempre al suo fianco ne sanno qualcosa i cittadini di via isole Egadi a manduria..che nonostante hanno da tempo chiesto un incontro sulla delibera della pubblica illuminazione di detta via disattesa e omessi i chiarimenti in base alle legge 241/90 nulla è stato fatto ma noi manderemo il tutto alla direzione distrettuale antimafia di Lecce..

  4. Carlo. scrive:

    Amministrazione normale o peggio ancora Commissario Prefettizio peccano entrambi su una cosa: non “sentono” mai il bisogno di sentire i dipendenti comunali di basso livello, che sono gli unici che potrebbero dire cose interessanti sul funzionamento di un servizio.
    Per questo niente cambierà mai.

  5. enzo scrive:

    non voglio essere ripetitivo, ma come ha fatto l’amministrazione TOMMASINO con i suoi dirigenti (tra cui il SUO Segretario Generale) a non rendersi conto di tutto questo casino?!
    Il problema è che ne pagano le conseguenze i cittadini manduriani solo magari per …….
    Basta con questo modo di amministrare!

    Caro SEGRETARIO GENERALE cerchi di essere….

  6. Superpoi scrive:

    Na cicciu, na! E tutti nui cu l’acchjamu! E li sinnici, Tommasino, Massaro e Calò, ca n’onnu purtati sti fiuri ti dirigenti, nienti tìcunu e nienti sapunu?

  7. antonello scrive:

    Gestor:Soget:Censum….= VARI ASSESSORI ALLE FINANZE:COMMISSARIO:STANO:INTERESSI PERSONALI
    questa è la proporzione

  8. antonio scrive:

    Ma come è possibile che prima di firmare un contratto i responsabili nn si siano resi conto a quale impegno andavano a firmare? A questo punto in caso di inadempienze da parte della Censum , saranno i promotori dell’”affare” a risarcire il comune dei danni subiti.L’ufficio tributi è o nn è all’altezza di servire la città della riscossione dei vari tributi, il numero e la competenza degli addetti possono adempiere a questo incarico? Allora si proceda per questa scelta senza incorrere in strade che potrebbero portare chi sa dove. Il commissario dia l’incarico all’ufficio comunale di prendersi in carico questa incombenza considerando che gli aggi dovuti alla Censun potrebbero essere impiegati alle spese di nuovi addetti temporanei. Una volta tanto si agisca con serietà ed accortezza.

  9. Fabio scrive:

    Chiedete a stano lui sa’ tutto

  10. Tonino Roberto scrive:

    Che bel regalo, chi ce lo ha fatto? almeno sapremo con chi prendercela quando cominceranno i disservizi e i contenziosi.La riscossione tributi, non poteva essere fatta direttamente dal comune? ci sono sia i mezzi che le persone competenti (che stiamo già pagando).

  11. andrea scrive:

    Ben vi stà. La scelta dei dirigenti che hanno concepito questo obbrobrio è il risultato attuale.

Scrivi un commento

È necessario essere AUTENTICATO per lasciare un commento.