Šciufferru – sciušcèttula

Šciufferru – i dal fr. chauffeur s. m., autista: faci lu šciufferru ti chjazza, fa l’autista di piazza.

Sciuitìa dal volg. jovisdia s. m., giovedì.

Sciujarina dal volg. loliarina s. f., erbaccia infestante conosciuta in agr. col nome di sorghetta.

Sciujaturu – i s. m., crivello a forma circolare atto a separare il loglio dal grano. V. sciuèju.

Šciujimienti s. m. pl., diarrea: ai a šciujimienti, ha la diarrea; anche šciolta.

Sciumenta – i v. il fr. jument, s.f., giumenta; al pl., spruzzi di saliva.

Šciummatu -a agg.. pl. inv. Šciummati, gobbo. V. sciummu.

Sciummu – sciòmmuri s. m., gobba: cuddu cu llu sciummu, no lli sia pi štruèppiu, quel tale con la gobba, non gli sia per offesa.

Sciuncazzu – i s. m., giuncheto; anche fibra di giunco usata per la realizzazione di tende, ceste, pagliai ecc. V. naca, paddumara, zoca.

Sciuncu – sciunci s. m., giunco.

Šciuntari – šciuntài – šciuntatu v. intr., sobbalzare per la sorpresa o lo spavento: m’a fattu šciuntari! Mi hai fatto spaventare! Tinìa ua ca ti šciuntàa a nfacci, aveva uva meravigliosa.

Sciupparieddu – i s. m., corsetto usato dalle nostre donne insieme a lu uannu.

Detto: Eni prima la camisa ti lu sciupparieddu. Non si può pensare al superfluo se non si ha l’essenziale.

Šciurlari – šciurlòu – šciurlatu v. intr. dif., svettare, della lattuga, grano e simili che, non colti per tempo, tendono a crescere in altezza, perdendo in consistenza.

Sciurnata – i s. f., giornata: šta ffaci sciurnati! Stiamo avendo giornate meravigliose! Ai a sciurnata, lavora a giornata ( con impegno giornaliero ); tegnu na sciurnata ti terra a Uagnulu, a Bagnolo posseggo un pezzo di terra dalla estensione di una giornata di lavoro, o meglio del lavoro di aratura di una coppia di buoi, quindi pari ad un terzo di tomolo.

Detto: Ci uè’ bbiti la sciurnata sana, la matina sciroccu e la sera tramuntana. La giornata buona è quando, iniziata con lo scirocco, si conclude con la tramontana.

Sciurnatedda – i s. f., dim. di sciurnata, il lavoro scarso di un giorno: m’aciu fatta la sciurnatedda mia puru osci, anche oggi ho guadagnato il modesto salario quotidiano.

Sciurnatieri s. m., inv. al pl., bracciante, operaio che lavora a giornata.

Sciušcettu – a  dal lat. susceptus = accolto, s., pl. inv. sciušcetti, figlioccio di battesimo o di cresima: m’è sciušcettu, è un mio figlioccio. V. nunnu.

Sciušcèttula– i s. f., spola; contiene lu cannulìcchju e scorre da una parte all’altra ti lu tularu per tendere il filo della trama.

Pietro Brunetti

Questo articolo è stato letto 192 volte

Redazione
About Redazione 22384 Articoli
Redazione de "La Voce di Manduria"

Commenti con Facebook

Commenta per primo

Lascia un commento