L’ulivo Messapico tra i giganti di Puglia

L’ulivo secolare della masseria Fellicchie di Manduria è tra i candidati alla prima edizione del Premio Giganti di Puglia. L’ulivo monumentale battezzato “il Barone” si trova a due passi da Torre Colimena nel cuore delle Riserve naturali all’interno di un uliveto secolare di oltre 400 ettari di proprietà dell’agronomo Paolo Basile.

Il raro e spettacolare ulivo ha una circonferenza di 10 metri e 70 centimetri misurata a 130 centimetri dal terreno, risalente presumibilmente al periodo antecedente la nascita di Cristo nel periodo Messapico. Promotore dell’iniziativa è l’associazione Millenari di Puglia, vincitori del concorso della Regione Puglia Principi Attivi 2012 giovani idee per una Puglia migliore, che sceglierà il miglior ulivo monumentale di Puglia 2017. Scopo del premio è quello di ricordare l’importanza culturale e materiale degli ulivi al fine di tutelarli e valorizzarli in collaborazione con i proprietari che custodiscono un patrimonio di enorme valore.  I criteri di valutazione riguarderanno  le dimensioni, lo stato di conservazione, la produzione stimata, l’aspetto estetico e culturale.

La giuria di esperti sarà composta da Enzo Suma fondatore di Millenari di Puglia, laureato in scienze ambientali e guida naturalistica, Silvana Bissoli artista specializzata nella pirografia di ulivi secolari, Piero Medagli botanico e professore dell’Università del Salento, Guido Palma forestale e guida naturalistica e Roberto Gennaio naturalista e grande appassionato di ulivi. Il premio fondamentalmente simbolico, andrà al proprietario dell’ulivo quale custode dell’albero monumentale.

Katja Zaccheo

Questo articolo è stato letto 580 volte

  • loading...
Katja Zaccheo
About Katja Zaccheo 295 Articoli
Ricercatrice storica per passione. Articolista per la Voce di Manduria. Autrice e curatrice della rubrica di promozione del territorio «Dove l'ho visto». Ha curato la rubrica di gastronomia «Voce al gusto». Ideatrice e curatrice della rubrica «Punto Donna».

Commenti con Facebook

Commenta per primo

Lascia un commento