La spiaggia più bella del mondo e il depuratore

E tra le spiagge da sogno che si vedono nei poster giganti delle agenzie viaggi, quelle con i tronchi di cocco che sfiorano le onde e gli arenili bianchi come la neve, quelle con i nomi esotici che evocano accoglienze hawaiane, trovi la Puglia, il Salento, con la minuscola spiaggia di Punta Prosciutto che occupa orgogliosamente il settimo posto nella classifica delle migliori spiagge del mondo secondo gli esperti del quotidiano inglese Telegraph. Sembra uno scherzo, un tiro mancino degli inglesi per deridere i governanti italiani e pugliesi che proprio lì, a circa tre chilometri di distanza «dalla spiaggia più bella d’Italia», da quel tesoro che ci invidiano nel mondo, vogliono realizzare un depuratore che raccolga ogni giorno diecimila metri cubi di melma prodotta dagli abitanti di due comuni, Manduria e Sava. Invece è tutto vero.

Come reale è il progetto dell’Acquedotto pugliese e del comune di Manduria che lo asseconda, di rovinare irrimediabilmente una delle aree più incontaminate di questo tratto di costa racchiusa tra due aree protette, il fiume Chidro e la Palude del Conte, entrambi facenti parte delle Riserve naturali regionali, è vera anche la classifica stilata dagli inglesi che di turismo di nicchia se ne intendono: la distesa di sabbia di Torre Lapillo, tra Torre Colimena, marina di Manduria e Porto Cesareo, provincia di Lecce da cui dipende amministrativamente, è tra le più belle del mondo. Settimo posto, per la precisione,  dopo la spiaggia di Malvarrosa a Valencia, Platja de Castell sulla Costa Brava, La Concha Beach a San Sebastian, Playa de Muro Beach a Maiorca, Playa de Ses Illetes a Formentera, Teresitas, Tenerife. Dopo c’è la perla del Salento, Torre Lapillo, che pochi pugliesi conoscono ma che gli inglesi apprezzano.

Ancora più sorprendente il paragone se la si mette in confronto con le spiagge che nella classifica di Telegraph vengono dopo di lei. Torre Lapillo, sullo Jonio, fa impallidire spiagge come La Cote des Basques e Biarritz in Francia, Baia degli Angeli a Nizza, Zlatni Rat Beach in Croazia. E così tante altre in California, Cuba, Grecia, Hawai, in Brasile, Tailandia, Ecuador, sino alla ventinovesima che chiude la speciale classifica che fa di Torre Lapillo l’orgoglio italiano nel panorama mondiale delle località da visitare.

Ecco come il quotidiano del Regno Unito recensisce la nostra Torre Lapillo: «Alcune delle migliori spiagge in Italia continentale sono in Puglia. Torre Lapillo, una distesa incontaminata di sabbia a sud delle città storiche di Avetrana e Manduria, quest’ultima famosa per il vino Primitivo. Per sabbia bianca, acqua trasparente e informali pranzi in spiaggia». La recensione degli inglesi cita poi la vicina Torre Colimena. Proprio lì dove due popolazioni si stanno battendo in queste ore per allontanare dal mare il mostro capace di ingoiare e rigurgitare, dicono depurata, diecimila metri cubi di melma al giorno. E se bastasse questa classifica inglese a far cambiare idea ai progettisti e ai politici nostrani? Hai visto mai?

Nazareno Dinoi su Quotidiano

Questo articolo è stato letto 1.604 volte

  • loading...
Redazione
About Redazione 22131 Articoli
Redazione de "La Voce di Manduria"

Commenti con Facebook

Commenta per primo

Lascia un commento