La diossina non danneggi l’economia e il Primitivo

schermata-2016-10-15-alle-06-18-23In relazione alla vicenda del presunto smaltimento di diossina nel territorio di Manduria, oggetto di plurimi articoli di stampa, di denunce di ambientalisti, di interrogazioni parlamentari e di interventi di soggetti investiti di ruoli istituzionali — ormai presenti sulla cronaca locale da diversi giorni — si ritiene doveroso sollecitare la necessaria riflessione sul fatto che le legittime aspettative di coloro che auspicano un rapido chiarimento dei fatti e l’intervento, necessario, degli organi inquirenti. non possono essere disgiunte da una altrettanto indispensabile prudenza nell’accostare la diossina all’ambiente ed all’economia manduriani.

Il Primitivo, prodotto distintivo dell’agricoltura locale ed il turismo, non potrebbero che risentire effetti devastanti dall’improvvida rincorsa all’allarmismo fine a se stesso. L’auspicio, pertanto, é che non si finisca, più o meno inavvertitamente, con il buttar via, insieme con la diossina se ciò dovesse essere malauguratamente accaduto anche una storia ed un patrimonio economico faticosamente costruiti nel corso di decenni e che rappresentano l’unica garanzia di sviluppo futuro della comunità locale. 

Roberto Massafra e Gianluigi De Donno

Questo articolo è stato letto 312 volte

Redazione
About Redazione 22404 Articoli
Redazione de "La Voce di Manduria"

Commenti con Facebook

3 Comments

  1. Mi pare che l’intervento, del Sindaco e del Suo Vice (che sottoscrivo pienamente) debba far riflettere soprattutto gli organi di informazione che, improvvidamente, hanno battuto la grancassa sulle incontrollate esternazioni di qualche sfaccendato.

  2. Bravi il sindaco e il vicesindaco, peccato che agli altri amministratori non interessa di questa cosa essendo che non anno firmato per questo articolo, comunque meglio tardi che mai però attenti a non dimenticarvene.

  3. ——— Poiché siamo in Italia, dove tutto viene addormentato se i giornali non ne parlano, è bene darsi da fare (chi è preposto a tale incombenza) per capire cosa è successo veramente.
    ——— Perché, sempre l’Italia, è il paese dove chi parla di cose avvenute, è o non è creduto a secondo degli interessi che può toccare con le cose che dice.
    ———- Se chi ha parlato ha detto quel che ha detto lo si può subito verificare, se c’è la volontà di farlo, sondando e prendendo campioni di terreno, come fanno con le mummie millenarie che, anche se sono passati dei millenni, sanno perfino se il tal faraone aveva i reumatismi o no.
    ———- Il primitivo non dobbiamo danneggiarlo, ma non dobbiamo danneggiare neanche la salute dei cittadini, e questa è una cosa certa che avviene, almeno credo.
    ———- Qui non si deve fare come il famoso Temporeggiatore, si deve fare in fretta per sapere cosa sia successo; solo questo non logora e danneggia niente.

Lascia un commento