Home » Cronaca, Locali, Primo Piano » L’Asl al sindaco: “sospendi la piscina”

L’Asl al sindaco: “sospendi la piscina”

“Analisi fisico-chimiche dell’acqua fuori norma. La lettera spedita il 6 maggio non era ancora arrivata in Comune, ora gli uffici si dovranno muovere.

Manduria Immagine 126 250x185 L’Asl al sindaco: “sospendi la piscina”MANDURIA – «Si comunica che i risultati analitici di laboratorio pervenuti dall’Arpa Puglia effettuati su campioni di acqua prelevati presso l’impianto natatorio Icos Sporting Club di Manduria, presentano un giudizio chimico-fisico di non conformità ai limiti previsti dalle normative vigenti». Così, il 6 maggio scorso, il dirigente dell’Ufficio igiene della Asl di Manduria informava il sindaco di Manduria e per conoscenza i gestori della piscina comunale, lo stato di non conformità dell’acqua campionata. «Considerando che quanto sopra potrebbe causare nocumento alla salute degli utenti – prosegue la lettera indirizzata al primo cittadino -, voglia la S.V. emettere ordinanza di sospensione immediata dell’attività natatoria con interventi mirati a eliminare definitivamente gli inconvenienti igienico sanitari riscontrati». Sta di fatto che dal 6 maggio, data di emissione della richiesta, sino a ieri, la comunicazione della Asl non sarebbe mai arrivata a destinazione. O meglio, non è arrivata sulla scrivania del sindaco che avrebbe dovuto adottare o meno la misura di «sospensione immediata dell’attività natatoria» così come lo invitava a fare il dirigente dell’ufficio Igiene pubblica. Questo ha fatto si che la piscina non ha mai smesso di offrire i propri servizi all’utenza del tutto ignara dei pericoli richiamati dagli esperti della prevenzione che, sempre nella stessa «proposta di ordinanza di sospensione immediata», precisavano «che detta attività potrà riprendere solo a lavori ultimati, previo prelevamento acque e conseguenti risultati analitici conformi alle normative vigenti rilasciati solo da una struttura pubblica».

Nei giorni scorsi, così come abbiamo già riferito in un altro articolo, i responsabili della piscina hanno avuto dei contatti informali con il dirigente del settore Lavori pubblici del comune di Manduria, l’ingegnere Antonio Pesatore, il cui esito non è stato reso pubblico.

I controlli da parte dei tecnici dell’Ufficio igiene erano scattati a seguito di una denuncia di utenti a cui il contatto con l’acqua delle piscine aveva prodotto dei disturbi alla pelle.

Nazareno Dinoi


15 Commenti a " L’Asl al sindaco: “sospendi la piscina” "

  1. serena s scrive:

    l’acqua è pulita!!.. ecco quello che è risultato. adesso facciano un passo indietro tutti quelli ke si sono lamentati. è stato un piacere immenso lavorare in piscina quest’anno, se uno lo fa, lo fa x piacere a prescindere dai risultati conseguiti x se stessi. speriamo di poter ripetere questa esperienza.

  2. andrea scrive:

    mah…..non condivido il commento di manu, se noi utenti scontenti(e siamo molti) andiamo via dalla piscina la gente che ci lavora avrà comunque qualche problema lavorativo.
    Ripristinare le normali condizioni igienico-sanitarie è la sola cosa da fare e la chiusura temporanea(anticipata solo di 7 giorni…????)è il giusto provvedimento per tutelare la salute sia degli utenti sia dei dipendenti (che in quell’acqua ci nuotano, poco ma comunque ci nuotano).
    Arrivederci a settembre…..forse!!!!!!

  3. Federico S. scrive:

    Non riesco a capire come certi commentatori non riescano a capire che l’asl ha fatto il suo dovere, se non l’avessero fatto forse qualcuno gli avrebbe citati in tribunale. Se c’è una intimazione di chiusura immagino che siano delle irregolarità. Poi saranno gli organi competenti a decidere a torto o a ragione, non vi sembra? Lasciamo fare poi si vedrà.

  4. Mary scrive:

    Nuoto da cinque anni nella piscina ICOS di Manduria e non ho mai riscontrato problemi di igiene… Questa notizia mi lascia a dir poco allibita! Spero che presto venga ripristinato tutto… E non capisco questa rabbia verso i gestori che sono davvero socievoli e disponibili.

  5. manu scrive:

    se non vi piace andatevene da un’altra parte,non rompete le balle alla gente…la gente che ci lavora chi li paga adesso?il comune?ma per favore!voglio vedere se a casa vostra tutto è perfetto….

  6. serena scrive:

    BELLA GENTE I “MANDURIANI”!!!!!!!!!!!!!!!!!

  7. scassa scrive:

    @Redazione: adesso zoppiti nu mmili ancapu…e offensivo? scusate…..

  8. scassa scrive:

    @serena: O UNA CHE GESTISCE LA PISCINA?

  9. scassa scrive:

    alla redazione.. dove siamo in russia? lasciare tutti i commenti…. grazie

  10. Gregorio Pignataro scrive:

    Un consglio per la redazione: procuratevi la convenzione stipulata tra Il Comune e la ICOS. Gli atti sono presso l’ufficio sport, turismo e spettacolo.

  11. serena scrive:

    arrestare chi?la gestione ai manduriani?perche’ chi la gestisce?la gente senza scrupoli e’ ben altra è chi nn sa cos’altro fare e viene a cercare il pelo nell’uovo!se poi non si scrive la verità…..

  12. gherado maria scrive:

    cerchiamo, nel più brele lasso di tempo di risolvere, questo annoso problema, per permettere a tutti di poter continuare a usufruire di questa stupenda struttura. Parafrasando una canzone “………….ci vuole poco….”

  13. scassa scrive:

    arrestateli …….la gestione va data ai manduriani e non a gente senza scrupoli…

Scrivi un commento

È necessario essere AUTENTICATO per lasciare un commento.