Domani la puntata di Linea Blu dedicata al mare di Manduria

le-vasche-del-reMANDURIA – La puntata di Linea Blu dedicata, tra gli altri luoghi, al mare e al litorale di manduria, è stata anticipata di una settimana e andrà in onda domani,  sabato 6 giugno, alle ore 14.30 su Rai Uno.  Le telecamere spazieranno sulle incantevoli coste salentine. “Un susseguirsi di dune sabbiose ricoperte dalla tipica vegetazione costiera: nella riserva naturale regionale orientata del Litorale Tarantino Orientale, in bicicletta lungo i percorsi della Salina dei Monaci, antica depressione collegata al mare da un canale ed utilizzata per la raccolta di sale marino a partire del 1731. Di San Pietro in Bevagna, ad una profondità compresa tra i tre e i cinque metri, vedremo un’immersione alle “Vasche del Re”, antichi sarcofagi in marmo cristallino di origine greca, dal peso variabile tra i 1000 e i 6000 kg, risalenti al 150-300 d.c. Acque cristalline, stupefacenti fenomeni sorgivi, il ribollire della sabbia bianchissima sollevata dalla furia dell’acqua: a pochi chilometri da San Pietro in Bevagna, discendendo in canoa lungo il fiume Chidro, complesso di sorgenti di acqua salmastra dall’incredibile portata di oltre 3000 litri al secondo, che, dopo un breve percorso di circa 500 metri lungo un canale, si riversano in mare. Folclore: a San Pietro in Bevagna, con numerosi figuranti, una minuziosa ricostruzione in costume dell’approdo dell’apostolo Pietro, che, come da leggenda, sbarcò proprio su questo litorale quando dalla Palestina si sarebbe diretto a Roma per subire il martirio.” Tanti motivi dunque per far crescere turisticamente questo territorio, tanti motivi per preservarlo dalla barbarie.

Da Rtmweb (Foto di Erminio Riezzo)

Questo articolo è stato letto 3.001 volte

Redazione
About Redazione 22403 Articoli
Redazione de "La Voce di Manduria"

Commenti con Facebook

1 Comment

  1. La trasmissione di RAI 1 “Linea Blu” metterà in evidenza e farà conoscere all’Italia intera le bellezze che madre natura ci ha donato, quelle architettoniche, storiche e soprattutto metterà in risalto la purezza e limpidezza cristallina del nostro mare ancora per poco incontaminato, ed ancora tante altre meraviglie che la nostra città possiede.
    Chi vedrà queste immagini rimarrà sicuramente colpito ed affascinato e certamente immaginerà quale sviluppo turistico ci sia in loco, avendo avuto il territotio opportunità e potenzialità per mettere in opera un piano organico per l’accrescimento del turismo che sicuramente ha sollevato od addirittura sia fonte economica per quella fortunata comunità.
    Haimè; una volta poi venuti in loco, attratti da si tante bellezze, preso atto che ciò visto in TV dal vivo ha un altro spendore, sorgerà in loro il dubbio di aver sbagliato località in quanto delusi dalla mancanza totale di strutture atte allo sviluppo turistico, costernati per l’incapacità, o non volontà, di chi ha retto le sorti della città fino ad oggi a non aver saputo, o voluto, governare una possibilità di sviluppo per la comunità che il territorio spontaneamente a costo zero con la sua bontà ha offerto a questa gente.
    La città vocata al turismo ed al suo potenziamento è stato da sempre un asso da giocare con effetto sul tavolo delle molteplici campagne elettorali, ma è da sempre riconosciuto che l’asso, qualsiasi figura esso rappresenti, è stata da sempre la carta prediletta dal baro.

I commenti sono bloccati.