Depuratore di Avetrana per le marine di Manduria, il Consiglio approva

Approvato. il Consiglio Comunale di Avetrana stamattina ha votato a favore della nuova proposta (ipotesi C) che il depuratore verrà spostato nella contrada Serpenti e che Avetrana si accollerà parte dei reflui (Specchiarica e Torre Colimena). Pare che “in cambio Manduria si impegnerà a mettere acqua e fogne nelle marine”, stando a quanto ha detto il sindaco durante l’incontro.

Tutti hanno approvato all’unanimità tranne Rosaria Petracca e Gigi Conte che hanno lasciato l’aula durante la votazione. “Ormai siamo alla farsa” ha commentato l’ex sindaco Gigi Conte, “perchè vedo anche che è già partita una campagna di disinformazione…si dice che Avetrana abbia approvato all’unanimità la variante ma non è vero! Non doveva e non poteva approvare nessuna variante ma solo dare la disponibilità ad accogliere i reflui delle marine. Da parte nostra credo che la battaglia debba continuare perchè non si è rispettato quello per il quale la gente è scesa in piazza a lottare”.
Un consiglio animato dove non sono mancate le polemiche sulle passate amministrazioni che avrebbero avuto il torto di permettere che il depuratore venisse collocato in zona Urmo Belsito.
Bocciata la proposta di parlare prima con i cittadini e di capire da loro cosa pensano di fare, una volta spiegato cosa comporta l’ipotesi C (del documento firmato il 7 aprile scorso a Bari durante una riunione alla quale hanno partecipato i sindaci di Avetrana, Manduria e Sava, nonchè tecnici) e bocciata pure l’ipotesi di continuare a lottare per chiedere la definitiva delocalizzazione del depuratore dai territori vicino ad Avetrana e vicino alla costa (il nuovo sito individuato per il depuratore, a contrada Serpenti, dista solo 4 chilometri dal mare e il corpo idrico superficiale individuato per le emergenze pare sfoci nel fiume Chidro). Ora si attende il consiglio comunale di Manduria previsto per domani.
Monica Rossi
Questo articolo è stato letto 2.446 volte

  • loading...
Monica Rossi
About Monica Rossi 57 Articoli
Monica Rossi, giornalista freelance per il quotidiano Il Resto del Carlino dal 2004 e per Il Fatto Quotidiano. Scrittrice di saggi e romanzi gialli. Email: emmerre1964@gmail.com

Commenti con Facebook

1 Comment

  1. —– Penso che Avetrana ha risolto il suo problema, più o meno,e Manduria se ne sia caricato uno peggio di quello precedente.
    ——- Nessuno ancora dice niente sul problema dei reflui emergenziali incanalati fino alla foce del fiume Chidro, e di conseguenza sulla riva del mare, in pieno centro di San Pietro in Bevagna.
    —— Se qualcuno (dei politici in genere) vuol dire qualcosa in merito capiremmo se quello che dice il geologo manduriano Paolo Muscogiuri è vero; perché poi dovrebbe dire cose non vere?

Lascia un commento