Home » Locali, Primo Piano » Bollette pazze Censum, è caos

Bollette pazze Censum, è caos

Manduria  Bollette pazze Censum, è caosMANDURIA – La Censum, la società che gestisce il servizio di riscossione dei tributi per conto del Comune di Manduria, sta notificando in questi giorni migliaia di cartelle per il mancato pagamento dell’imposta comunale sugli immobili. Molti di questi conterrebbero dei macroscopici errori perché riguardano case già passate di proprietà o che non esistono più. In alcuni casi sono state notificate bollette sino a ottomila euro a cittadini che da anni hanno venduto le proprietà o le hanno donate ai figli. Diversi anche i doppi avvisi di pagamento per la stessa casa. Pare che l’errore sia dovuto al fatto che gli uffici Censum stia utilizzando archivi catastali non più attuali. Moltissimi, infine, i casi di accertamento di bollette già pagate alla società che precedentemente gestiva lo stesso servizio, la Soget.  Duro, in proposito, il parere del coordinamento cittadino di Sel che in un comunicato stampa censura così l’operato della società di recupero: «La Censum – si legge -, pur di far cassa sta inviando ai contribuenti di tutto e di più. Infatti – continua – esaminando gli accertamenti si riscontra una superficialità ed approssimazione finalizzata solo a far cassa». 

I vendoliani lanciano un appello al Commissario prefettizio, Aldo Lombardo. «Suggeriamo – dicono – di rescindere il contratto anche perchè la Censum ha diversi contenziosi in essere con diversi comuni d’Italia. Ci rivolgiamo al commissario Lombardo ancora una volta – conclude il documento di Sel -, così come abbiamo fatto quando abbiamo suggerito di non firmare il contratto con la società Censum fortemente voluta dall’amministrazione Tommasino».


Commenti con Facebook

commenti

10 Commenti a " Bollette pazze Censum, è caos "

  1. enzOOO scrive:

    è vero: è un caos!

    una cosa è sicura però: chi ha provocato questa tempesta in danno di tutti i manduriani??????

    ovvamente l’amminbistrazione guidata dall’ex Sindaco

    TOMMASINO.

    manduriani….ricordate ricordate

  2. rocco scrive:

    …e che dire di quanti, come me,non si sono vista riconoscere l’aliquota agevolata del 4 per mille,anzichè quella ordinaria del 7 per mille,per l’abitazione principale e relative pertinenze (garage) SOLO PERCHE’ IL COMUNE HA VARIATO LA TOPONOMASTICA DELLA VIA CHE DA VIA X E’ DIVENTATA VIA Y???? MA IL FABBRICATO NON SI E’ SPOSTATO COME LA CASA DI LORETO?????

  3. betty scrive:

    Chi può rispondermi? Anche a me è arrivata una bolletta ici del 2007 di una casa venduta nel 2000. Me ne arrivò un’altra nel 2006 di sollecito pagamento e mora e in quell’occasione persi una giornata di lavoro per andare a reclamare. Ora che questi ignoranti vanno ad oltranza, posso non presentarmi proprio, per dire che la casa non la tengo più dal 2000? Oltretutto che possono farmi se io sono nel giusto? Grazie a chi mi risponderà in maniera esauriente.

  4. Carlo. scrive:

    Dott. Pigrataro, noi siamo stati sempre qua.
    Solo che in una Repubblica Dittatoriale (questo è diventata l’Italia, e non sto scherzando) possiamo solo parlare e basta.
    Almeno prima vi erano i Comitati Regionali di Controllo che bene o male bocciavano le delibere dei comuni. Ora, anzi dopo la legge Bassanini del 1997, c’è il caos, complici tutte le opposizioni di destra o di sinistra a seconda di chi amministra.
    Buona giornata.

  5. Andrea scrive:

    Via SOGET VIA CENSUM VVIIAA tutte queste società farlocche e affariste che creano solo problemi alla cittadinanza!!
    Abbiamo un ufficio che dovrebbe e deve fare questo lavoro: FACCIAMOLO FUNZIONARE come vogliono anche i dipendenti che vi lavorano e che da noi sono pagati già per fare accertamenti!!

  6. l.demetrio scrive:

    Scusate ma qualcuno sa come dobbiamo comportarci?.La mia cartella esattoriale parla di omessa denuncia x una casa sempre stata di mia proprietà .

    • paolo scrive:

      @l.demetrio: La maggior parte dell’evasione, secondo la CENSUM, sussiste nel fatto della mancata dichiarazione ICI su immobili già conosciuti all’Ente comunale, quindi dove sta l’evasione, premesso che la finanziaria 2007 aveva abolito l’obbligo della presentazione della dichiarazione ICI se non per alcuni casi previsti dalla Legge.

  7. Gregorio Pignataro scrive:

    Bene ma, dove eravate quando dalle pagine di questo giornale ero l’unico a criticare l’appalto dei tributi?

Scrivi un commento

È necessario essere AUTENTICATO per lasciare un commento.