Smentita del segretario regionale della Uil di categoria

Accuse false al sindacalista manduriano Valentino Prezzemolo che si difende

Il sindacalista è convinto che gli attacchi, penalmente perseguibili, provengano «da alcuni rappresentanti e di alcuni seguaci di un sindacato che non avendo altri argomenti di confronto sul piano sindacale, cercano di minare...

Salento Puglia e mondo
Manduria mercoledì 14 febbraio 2018
di La Redazione
Valentino Prezzemolo
Valentino Prezzemolo © La Voce

Il vigile del fuoco manduriano, Valentino Prezzemolo, segretario regionale della Uil della categoria, si trova al centro di un attacco proveniente da ambienti sindacali opposti che avrebbero diffuso false notizie sul suo conto allo scopo di screditarlo e diffamarlo. Secondo alcune voci fatte circolare ad arte negli ambienti dei vigili del fuoco regionali, Prezzemolo sarebbe stato oggetto di indagini da parte della procura della Repubblica con l’intervento della polizia postale che avrebbe sequestrato tutti i suoi computer. Secca la risposta del sindacalista manduriano che smentisce tutto. «Nulla di tutto ciò corrisponde al vero – scrive in un comunicato -, non è in corso alcun provvedimento penale a mio carico, né tantomeno ve ne sono stati in passato; il sottoscritto – prosegue Prezzemolo – non ha subito sequestri e la polizia postale non è intervenuta in alcun modo e per alcuna ragione». Il sindacalista è convinto che gli attacchi, penalmente perseguibili, provengano «da alcuni rappresentanti e di alcuni seguaci di un sindacato che non avendo altri argomenti di confronto sul piano sindacale, cercano di minare la credibilità altrui, diffamando con storie tanto inventate quanto assurde».

«Dispiace dover constatare – prosegue Prezzemolo – il fatto che qualcuno abbia creato questo clima di odio ed avversione nei confronti dei colleghi, di chi la pensa in maniera diversa, perché tutto ciò i vigili del fuoco non lo meritano; questo modo di pensare – conclude – risulta diametralmente opposto ai principi di solidarietà e fratellanza di cui il Corpo nazionale è sempre stato fiero portatore; tutto ciò non ci fermerà».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
Le più commentate
Le più lette