Il terreno cede e scopre una voragine

Locali
Manduria venerdì 02 gennaio 2015
di Redazione
Il terreno cede  e scopre una  voragine
Il terreno cede e scopre una voragine © n.c.

MANDURIA - Una piccola ma profondissima voragine si è aperta ieri pomeriggio su un tratto di strada di via Sant’Eligio a Manduria nella intersezione con la trafficatissima via Sant’Antonio. La zona che è stata transennata dalla polizia municipale per impedire il transito automobilistico e pedonale, è situata tra l’ospedale Giannuzzi e l’incrocio con la via per Lecce. Un buco ampio una cinquantina di centimetri, quasi circolare e molto profondo, forse una decina di metri, si è aperto inghiottendo l’asfalto e lasciando un foro grande abbastanza da inghiottire una persona. A fare la segnalazione ai vigili urbani sono state le famiglie che abitano nelle vicinanza. Da loro arriva anche la protesta. Pare, infatti, che già in passato lo stesso punto di carreggiata sia stato oggetto di cedimenti e che in quell’occasione gli unici interventi fatti dalla mano pubblica sarebbero stati quelli di tamponare la parte superficiale dell’asfalto senza risolvere il problema alla radice. Quella zona, infatti, praticamente nel cuore della parte archeologica Messapica della città, è ricca di manufatti ipogei e cavità naturali. Probabilmente la neve e la pioggia caduti in questi giorni hanno indebolito ulteriormente il terreno provocando il pericoloso cedimento.  Secondo alcuni testimoni presenti prima dell’arrivo degli agenti e che hanno quindi avuto la possibilità di avvicinarsi e fare le foto che vi mostriamo, l’asfalto intorno alla voragine è poggiato su un sottile strato di terreno. Guardando all’interno vuoto si ha l’impressione di trovarsi di fronte ad una cavita molto ampia. I vigili urbani che sono intervenuti per mettere in sicurezza l’area hanno allertato il personale tecnico del comune che già da questa mattina dovrebbe provvedere a rimuovere definitivamente il pericolo. Quasi sicuramente sarà interessato il personale della soprintendenza archeologica che valuterò l’importanza di ciò che la neve e la pioggi ahanno portato alla luce.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Salvatore ha scritto il 04 gennaio 2015 alle 11:56 :

    Passano i giorni........e non si muove una foglia......mamma mia Manduria !!! Rispondi a Salvatore

  • parcal ha scritto il 02 gennaio 2015 alle 19:45 :

    Un buco ampio una cinquantina di centimetri, quasi circolare e molto profondo, forse una decina di metri... E la Peppa! Rispondi a parcal

Altre news
Le più commentate
Le più lette