Zio Michele impiccato, ma è una burla

Locali
Manduria sabato 11 gennaio 2014
di Redazione
Zio Michele impiccato, ma è una burla
Zio Michele impiccato, ma è una burla © n.c.
AVETRANA - La notizia-bufala ha fatto il giro del web e poi delle redazioni scatenando un infernale giro di telefonate alla ricerca dell’ufficialità che naturalmente non esisteva. Così la falsa notizia della morte di Michele Misseri per impiccagione ha intasato il centralino della caserma dei carabinieri di Avetrana e i contatti privati dei militari della caserma costretti anche loro a verificare la drammatica notizia. Ma il contadino, all’insaputa di tutto, si trovava beatamente nella sua villetta bunker di via Grazia Deledda. A diffondere la bufala è stato il sito «Il Corriere del Mattino», con tanto di immagini della scena della tragedia: forze dell’ordine e vigili del fuoco che recuperano un corpo da un albero di pino. Ecco come i burloni del blogger hanno raccontato la falsa notizia: «E’ stato trovato morto oggi nelle campagne del Salento in contrada Macchie alle ore 16,30 circa. L’anziano si è tolto la vita impiccandosi ad un albero di pino, nei pressi della masseria Montefiore non lontano dalla ferrovia. Sul posto sono intervenute tempestivamente le forze dell’ordine. Il medico legale ha subito constatato il decesso». Naturalmente non esiste nessuna contrada Macchie, né una masseria Montefiore, né una ferrovia nei dintorni di Avetrana. E nessun impiccato. In molti ci sono cascati. Eppure bastava leggere fino in fondo la pagina del fantomatico «Corriere del Mattino» per capire tutto: «Giornale del Corriere è un sito satirico, e dunque alcuni articoli contenuti in esso sono da ritenere tali. La redazione non vuole offendere nessuno» . Uno scherzo che potrebbe costare caro ai suoi autori se è vero che le autorità stanno valutando l’ipotesi di aprire un fascicolo per procurato allarme. Senza contare la reazione che avrà lo stesso Misseri. Nazareno Dinoi
Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • greghi ha scritto il 13 gennaio 2014 alle 08:37 :

    acqua e fogna per sergio di sipio! dai di sipio non mollare! Rispondi a greghi

  • giangabriele ha scritto il 12 gennaio 2014 alle 09:33 :

    @sergio di sipio:; ....penso davvero che adesso stia esagerando. Pi volte ho evitato di intervenire, cosa che per vedo fanno altri, ma Lei imperterrito, continua con questa lagna divenuta paradossale". Io, e come me tanti altri, ho aspettato 20 anni prima di avere acqua e fogna, a Manduria (zona semintensiva); la mia fortuna sono state le scuole sorte nel quartiere. Invece di acquistare incautamente la casa (a basso costo)in quella zona doveva, farsi un giro sulla nostra lunga litoranea e scegliere una casa in regola e servita!!!!@alla Redazione: Penso che sia ora che provvediate a bannare le risposte fuori argomento, ripetitive e tediose!!!!Grazie Rispondi a giangabriele

  • sergio di sipio ha scritto il 11 gennaio 2014 alle 20:36 :

    Nel dramma in questione mi viene in mente che mentre gli investigatori facevano il loro mestiere i giornalisti facevano il loro ma nessuno si occupava di un dramma che dura da quaranta anni.La mancanza di acqua potabile a Torre Colimena. Un dramma molto vicino a quello accaduto a quella povera giovinetta. Un assassinio rimandato. Rispondi a sergio di sipio

  • leomecc ha scritto il 11 gennaio 2014 alle 19:37 :

    Ma hai mai visto un animale suicidarsi? Non sono da meno chi violenta i minorenni, per me dovrebbero dargli almeno 30 anni.E il bello che vivono le giornate come se fosse nulla, be come animali nooooo! Rispondi a leomecc

  • attila ha scritto il 11 gennaio 2014 alle 14:01 :

    SI E' VERO E STATA UNA BURLA! MA ZU MICHELE PERO' ANCHE LUI NON HA MANTENUTO LA SUA PAROLA DI SUICIDARSI! Rispondi a attila

Altre news
Le più commentate
Le più lette