Manduria prima di Melpignano tra musica ed energie rinnovabili

Locali
Manduria sabato 31 agosto 2013
di Redazione
Manduria prima di Melpignano tra musica ed energie rinnovabili
Manduria prima di Melpignano tra musica ed energie rinnovabili © n.c.
Il Comune cui mi riferisco non è, purtroppo, il nostro Comune di Manduria. Lo sarebbe potuto essere e prime del Comune di Melpignano solo se avesse creduto di più e avesse proseguito sulla strada avviata anni fa, ancor prima di Melpignano (Le). Non ho bisogno di presentare il Comune di Melpignano in quanto oramai balzato alla cronaca mondiale con la sua “Notte della Taranta” giunta quest’anno alla 16^edizione. Melpignano non si è fermata a farsi conoscere per la musica ma è andata oltre. Il primo cittadino di Melpignano ha pensato bene di sfruttare i sostegni resi disponibili per gli impianti di produzione di energie rinnovabili chiamando a raccolta i suoi cittadini. E in un pomeriggio d’estate nella piazza centrale del “paese della pizzica” in presenza del Notaio è stata formata una cooperativa di comunità tra Comune, 127 cittadini, Banca Etica e Legacoop università e società di gestione per la realizzazione di un impianto fotovoltaico di circa 179 Kwp sui tetti delle abitazioni dei primi 33 sottoscrittori. Gli utili saranno investiti in opere di pubblica utilità. Questa storia vera sarebbe potuta accadere anche a Manduria e ancor prima di Melpignano. Nel 1998 Manduria ebbe l’idea di lanciare la rassegna "Popularia: suoni e canti dai sud del mondo", proposta dal locale circolo di Legambiente sotto la regia di Roberto Dostuni. Il riscontro fu interessante e la riproposizione ancor di più. Furono prodotti dei Cd come sintesi della rassegna e distribuiti anche attraverso il Comune di Manduria. Nello stesso periodo (non si parlava di fotovoltaico ma di raccolta differenziata) il Comune di Manduria organizzo per la prima volta in assoluto un sistema di raccolta differenziata e ciò ancor prima dell’entrata in vigore del Decreto Ronchi che obbligava i Comuni ad attuare la differenzazione dei rifiuti. Le amministrazioni successive non hanno creduto ai due progetti che furono abbandonati tant’è che “popularia” si pensò bene di trasferirla in altri luoghi (oggi giunta alla sedicesima edizione riscontra un interessante successo a “la‘nchianata” di Torricella). La raccolta differenziata non è andata oltre a quello che riscontriamo per strada con multe a carico dei cittadini per il mancato raggiungimento della percentuale obbligatoria  di rifiuti differenziati. Oggi il Sindaco di Melpignano si crogiola nel successo della rassegna musicale e della candidatura ricevuta dalla rivista Ecologia di Legambiente quale “ambientalista dell’anno 2013” mentre i Sindaci di Manduria che si sono succeduti in questi anni possono fregiarsi della candidatura di “spreconi”. Vi sono ancora ampi spazi d’intervento a disposizione dell’attuale amministrazione per recuperare quanto perso a tutt’oggi, bisogna avere le idee chiare e crederci. Per emergere bisogna guardare lontano, avere un orizzonte lungo che vada oltre la punta delle proprie scarpe. Non è per tutti ma bisogna provarci. Pompeo Stano p.stano@lavocedimanduria.it  
Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Antonio Iunco ha scritto il 31 agosto 2013 alle 13:20 :

    L'unica cosa da sperare che questa triste realt diventi una lezione per Manduria. Non credo che le amministrazioni successive non abbiano creduto nel valore del progetto. Semplicemente, hanno deciso di far crescere la propria posizione e non quella del comune stesso... Rispondi a Antonio Iunco

  • Michelangelo Damicis ha scritto il 31 agosto 2013 alle 10:34 :

    Solo pochi giorni fa (25 Agosto) Apulia Activa ha salutato l'estate con Bike 'n Live, l'unico evento estivo che ha unito una Cicloescursione alla Riserva Naturale della Salina a 4 ore di Musica Live alla Masseria la Marina. Purtroppo questa iniziativa stata messa in ombra da una contemporanea iniziativa a Manduria che ha meritato la pubblicazione di La Voce a differenza di Bike 'n Live (nonostante il comunicato stampa). Spero di poter scrivere fra 16 anni e dire che Bike 'n Live una realt riconosciuta in tutta la regione e alla sua prima edizione gli fu negata la diffusione su questo giornale per motivi che non voglio approfondire e ringraziare invece i tanti mezzi di comunicazione che hanno dato risposta al nostro comunicato (parlo a nome dell'Associazione)...forse perch avevano dello spazio da buttare via sulle loro pagine o forse riconoscendo a questo evento un qualcosa di innovativo. Apulia Activa sta provando a guardar "oltre la Rispondi a Michelangelo Damicis

  • Michelangelo Damicis ha scritto il 31 agosto 2013 alle 10:34 :

    punta delle proprie scarpe". Rispondi a Michelangelo Damicis

  • Giovanni Dinoi ha scritto il 31 agosto 2013 alle 09:34 :

    Come non concordare con Pompeo Stano? Ad onor del vero, occorre dire che gli stessi amministratori avallatori di quelle iniziative le hanno in seguito affossate (i consiglieri e gli assessori di quello stesso centosinistra). Forse perch l'interesse particolare sempre pi forte di quello generale. O forse perch le maggioranze politiche si reggono anche su un "do ut des" capace di cancellare le cose migliori. Rispondi a Giovanni Dinoi

Altre news
Le più commentate
Le più lette