La città commissariata

La città di Manduria è sciolta per mafia

​Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell’interno Marco Minniti, a norma dell’articolo 143 del Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali

Cronaca
Manduria giovedì 26 aprile 2018
di La Redazione
piovra mafia politica
piovra mafia politica © Google

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell’interno Marco Minniti, a norma dell’articolo 143 del Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali (TUEL), ha deliberato lo scioglimento dei Consigli comunali di Bompensiere (CL), Caivano (NA), Limbadi (VV), Manduria (TA) e Platì (RC), in ragione delle riscontrate ingerenze da parte della criminalità organizzata.

La città Messapica sarà amministrata da tre commissari di governo che saranno nominati a breve. Toccherà a loro gestire l'attività ordinaria e straordinaria sino alle prossime elezioni per l'elezione del sindaco e del Consiglio comunale. Il periodo di commissariamento varia dai 12 mesi sino a 24.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Ale ha scritto il 27 aprile 2018 alle 10:06 :

    A questo punto nessuno della amministrazione dovrebbe presentarsi alle nuove elezzioni come avviene nel calcio , per responsabilita aggettiva viene punito la quadra di appartenenza Rispondi a Ale

  • sergio di sipio ha scritto il 26 aprile 2018 alle 17:46 :

    Non mi sembra una calamità di cui impressionarci tanto. Starà agli scontenti rimboccarsi le maniche e dare una mano sincera ai tre commissari. Di lavoro ne avranno certamente e quindi aiutiamoli. E non fermiamoci a piangerci addosso ma reagire e fare. Che cosa fare? Ad esempio portiamo l'acqua potabile e la fogna alle Marine di Manduria. Non si può continuare senza. Rispondi a sergio di sipio

  • gerardo.marzo ha scritto il 26 aprile 2018 alle 17:12 :

    si ringraziano tutti gli amministratori degli ultimi dieci anni !!! certo e' una bella mazzata per la nostra immagine ma meglio cosi' , speriamo di depurare l'aria in citta' perche' era diventata troppo tossica !! Rispondi a gerardo.marzo

  • lorenzo ha scritto il 26 aprile 2018 alle 15:35 :

    Provo pena per tutti coloro che avevano il dovere di controllare e non lo hanno fatto. Provo pena per tutti i parassiti delle istituzioni. Provo pena x chi ha ridotto Manduria ad una pezza! Rispondi a lorenzo

  • Raimondo Turco ha scritto il 26 aprile 2018 alle 14:29 :

    Indipendentemente dalle persone coinvolte, non è una bella storia perchè purtroppo si parlerà in Italia e forse all'estero di MANDURIA MAFIOSA e non certo delle persone interessate. Tutti subiremo danni e non solo di immagine. Il primitivo, il mare, la storia tutto sarà macchiato. Peccato, veramente peccato. Noi, gente comune non meritavamo questo ulteriore affronto. Rispondi a Raimondo Turco

    Simone Depasquale ha scritto il 27 aprile 2018 alle 08:19 :

    Concordo ma da cittadino mi chiedo: In tutti questi anni nessuno dei politici, tecnici , ecc( secolari) si è mai accorto di nulla pur essendo all’interno della macchina pubblica ? Oggi cadiamo tutti dal però e ci stracciano le vesti, ma ieri? Dove eravamo? Una grande onta per tutti ma,anche , forse l’ultima possibilità di rialzarci veramente! È il momento di credere nella nostra storia e nella nostra bellezza e non in questi “personaggi” che un mio caro amico ha sempre definito i politici “ della lampadina sobbra casa”. Saluti Rispondi a Simone Depasquale

    giorgio sardelli ha scritto il 26 aprile 2018 alle 17:48 :

    Signor Raimondo è ovvio che è un peccato ma chi sapeva e aveva i mezzi per denunciare subito non la pensava cosi ha taciuto e forse li stava pure bene nessuno prima ha pensato alle conseguenze Rispondi a giorgio sardelli

Altre news
Le più commentate
Le più lette