Lettera a Emiliano e al prefetto

Iaia sul depuratore: "Basta ritardi, ognuno si assuma le proprie responsabilità anche penali"

​Il sindaco di Sava, Dario Iaia, interviene ancora una volta per stringere i tempi sulla realizzazione del depuratore in consorzio con il comune di Manduria

Attualità
Manduria mercoledì 11 luglio 2018
di La Redazione
Dario Iaia
Dario Iaia © La Voce

Il sindaco di Sava, Dario Iaia, interviene ancora una volta per stringere i tempi sulla realizzazione del depuratore in consorzio con Manduria. In una lettera inviata al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano e ai vertici degli assessorati regionali competenti, all’Aqp e, per conoscenza al prefetto di Taranto e alla commissione straordinaria del comune di Manduria, il primo cittadino definisce «non più tollerabili ulteriori ritardi ed estremamente chiare, dal punto di vista normativo, le responsabilità penali, ambientali, civili e contabili», derivanti da quello che definisce «immane ritardo».

Riferendosi alle opposizioni dei settori ambientalisti e delle popolazioni contrarie alla sede individuata dalla Regione Puglia (Urmo Belsito, marine di Manduria), il sindaco Iaia invita le autorità preposte a «non perdere più tempo inseguendo o dando peso – si legge nella lettera – a posizioni demagogiche e medievali che ci allontanano sempre di più e volutamente alla soluzione».

Sollevando l’amministrazione di Sava da ogni responsabilità penale ed economica oltre che ambientale derivate dallo stato di cose, il sindaco Iaia richiama la situazione del vecchio depuratore di Manduria le cui condizioni, chiosa Iaia, «meriterebbero di essere oggetto di verifica da ogni punto di vista».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • lorenzo ha scritto il 11 luglio 2018 alle 18:13 :

    ...e se il depuratore l'avessero ubicato a piri piri? Rispondi a lorenzo

    tom61 ha scritto il 13 luglio 2018 alle 14:30 :

    purtroppo piri piri non è comune di sava Rispondi a tom61

    lorenzo ha scritto il 14 luglio 2018 alle 04:44 :

    Torre Ovo? Insomma dove vanno i savesi al mare Rispondi a lorenzo

  • giovanni perrucci ha scritto il 11 luglio 2018 alle 13:03 :

    Solito disco...lo sentiamo dal 2012... Rispondi a giovanni perrucci

  • Josef Küsperth ha scritto il 11 luglio 2018 alle 10:22 :

    Può darsi che Sava e Manduria abbiano bisogno di un comune impianto di trattamento delle acque reflue. Perché il comune impianto di trattamento delle acque reflue non si sviluppa quindi sul confine municipale tra Sava e Manduria? Invece, si discute per anni con un vicino (Avetrana), che non vuole essere la fossa settica di Manduria e Sava. Rispondi a Josef Küsperth

Altre news
Le più commentate
Le più lette