Protesta

Lettera di una turista manduriana che vive a Milano

Mi chiedo come sia possibile e chi è responsabile di questa trascuratezza? E non diamo la colpa ai turisti. Mi dispiace ma non consiglierò più San Pietro in Bevagna come meta turistica .

Attualità
Manduria sabato 12 agosto 2017
di La Redazione
Rifiuti
Rifiuti © La Voce di Manduria

Sono nata a Manduria 56 anni fa eda 32 vivo a Milano . Vengo a Manduria in media tre quattro volte all’anno per vedere i miei famigliari. Quest’anno sono venuti dei nostri amici di Milano e per la prima volta mi sono vergognata nel percorrere la strada a piedi dal Charlie a San Pietro perché è sporca di bottiglie di vetro e plastica, sacchetti con spazzatura e tanto altro. Mi chiedo come sia possibile e chi è responsabile di questa trascuratezza? E non diamo la colpa ai turisti. Mi dispiace ma non consiglierò più San Pietro in Bevagna come meta turistica .

Marilena M.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • duilio cavenago ha scritto il 14 agosto 2017 alle 10:00 :

    Da 'turista milanese' anch'io lo scorso anno avevo riscontrato delle criticità incompatibili con un luogo di villeggiatura che meriterebbe molto di più. Ne ho scritto al Sindaco (due volte) ed al comandante della P.L. senza risultato, solo la 'Voce di Manduria' ha raccolto il mio sfogo. Oggetto ? Non solo i rifiuti, già di per sè sintomo di inciviltà da chiunque vengano abbandonati ma anche incuria delle strade, divieti non fatti rispettare, la Pineta diventata luogo di bivacco di zingari ed altro, nessun servizio di assistenza o sicurezza sulle spiagge, specie nel fine settimana quando sono affollate da migliaia di bagnanti, parcheggi selvaggi...Poi non lamentatevi se turisti tedeschi o comunque 'nordici' segnalano queste cose. Avete tra le mani una grande ricchezza, non sprecatela. Rispondi a duilio cavenago

  • Tiziana brunetti ha scritto il 13 agosto 2017 alle 16:52 :

    Sentito signor sindaco? Quando con la protezione civile si parlava di questa situazione, lei mi ha risposto che: "la gente va educata sia i residenti che chi viene a ripulire la residenza estiva, che poi se si tratta semplicemente di mandate qualcuno a pulire si può fare, ma se non si educa saremo punto e a capo." Pienamente daccordo sull'educare e io direi che anche utilizzare le videocamere per cui già avete speso non sarebbe un cattivo repellente, che se alla gente tocchi il portafogli, si lascia educare. Ma intanto mandate qualcuno a ripulire visto che si può fare, quando lo vuole fare, col prossimo mandato? Rispondi a Tiziana brunetti

  • SALVATORE stano ha scritto il 13 agosto 2017 alle 15:15 :

    rispondo alla signora di milano.LEI Signora e fortunata che abidate a Milano. LA SPORCIZIA PER LE STRADE NON LI BUTTANO GLI ANIMALI,SIAMO NOI GLI INCIVILI,E SE NE PUOI FARE A MENO DI FARE LA TURISTA !! NON VENIRE PIù A VISITARE I TUOI PARENTI. Rispondi a SALVATORE stano

  • lorenzo trupiano ha scritto il 13 agosto 2017 alle 08:37 :

    Condivido la lettera con l' aggravante che la foce del Chidro è un Sic europeo pieno di rifiuti con ponte pericolante dove migliaia di persone lo utilizzano come il Gange in India Rispondi a lorenzo trupiano

  • Donato Spina ha scritto il 13 agosto 2017 alle 08:34 :

    Rimettete per strada i cassonetti. Rispondi a Donato Spina

  • nicola colonna ha scritto il 12 agosto 2017 alle 13:34 :

    ed invece no devi continuare a consigliare San Pietro in Bevagna, perché lo scempio, o la trascuratezza (il senso è sempre quello), fa parte del genere umano ed è presente in ogni parte del mondo, ciao e buone vacanze Rispondi a nicola colonna

    Antonio ha scritto il 13 agosto 2017 alle 10:26 :

    Senza di loro si vive meglio e con più spazio a disposizione¡!!!!! Rispondi a Antonio

  • Gianni ha scritto il 12 agosto 2017 alle 09:35 :

    Purtroppo è stata una delle peggiori amministrazioni in assoluto. si potrebbe fare un lungo elenco dell' incuria regnante nel paese e nella sua marina. Mi limiterò però a far sapere ai cittadini manduriani che alcune settimane orsono mi recai al Comune per alcuni chiarimenti in merito ad una questione riguardante una delle tante zone degradate di Manduria e durante la discussione il nostro caro primo cittadino mi disse esplicitamente che si vergogna di noi cittadini. Mah....... Rispondi a Gianni

    Alessandro il Grande ha scritto il 12 agosto 2017 alle 22:34 :

    Scusate in non sono di nessuna corrente politica... però quelle immondizie non è stato il sindaco a buttarle...siamo stati noi i cittadini così chiamati...prima di andare a lamentarci che ci sono immondizie per strada vorrei ricordare che le immondizie si buttano nei cassonetti non per strada come i mozzoni di sigarette ed i fazzoletti, ed i cani che fanno i bisogni per strada senza che il proprietario le raccolga, cominciamo a modificare le nostre vecchie e brutte abitudini non sta scritto da nessuna parte che il dipendente della igeco deve raccogliere da terra le immondizie che noi buttiamo..e pensare che queste sono le persone che poi vanno a manifestare contro lo scarico a mare...quanta ipocrisia.. Rispondi a Alessandro il Grande

  • Rosita Guerra ha scritto il 12 agosto 2017 alle 05:44 :

    Signora mi scusi Secondo lei chi ha buttato o chi buttato la è altrove I rifiuti? Gli operatori ecologici? Non diamo sempre colpa al comune. Stamattina alle ore 6.30 la spiaggia era già tutta pulito e vi assicuro che mezz'ora prima era Inguardabile. Pensi hanno portato via anche il contenitore dei rifiuti. Io abito a 300 Mt dal Charlie. Qui siamo noi principalmente non scarichiamo sempre le colpe agli altri. Nella mia strada salgono dai mare è lasciano sacchetti di rifiuti vicino ai cancelli delle abitazioni. In 7 giorni ne ho raccolti 5 . Allora chi è l'incivile? Rispondi a Rosita Guerra

    antonio gennari ha scritto il 12 agosto 2017 alle 16:13 :

    Brava signora facciamolo capire a questi signori che credono che tutto e dovuto a loro e noi a pagare le tasse.Forse a la Voce I miei commenti non vanno a genio? Per questi non vengono pubblicati. Rispondi a antonio gennari

Altre news
Le più commentate
Le più lette